menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il sindaco di Valmadrera Antonio Rusconi

Il sindaco di Valmadrera Antonio Rusconi

Rusconi: «Zona arancione significa diventare più responsabili»

Il sindaco di Valmadrera invoca prudenza. «Ancora 153 positivi al covid. A Natale pensiamo a gesti di solidarietà e sosteniamo le numerose iniziative solidali in città»

A Valmadrera la situazione relativa all'epidemia migliora ma non concede sconti. La giornata di sabato, informa il sindaco Rusconi attraverso la propria pagina Facebook, ha visto una proficua collaborazione con volontari e associazioni per l'allestimento in sicurezza delle scuole che da lunedì riapriranno fino alla terza media. Ma i problemi non sono terminati con la promozione da zona rossa ad arancione.

«I numeri dei contagiati questa mattina (sabato, ndr) ancora positivi erano 153 e vi erano posizioni non ancora segnalate: significa che si è fermata la discesa precipitosa ma la situazione è ancora grave - sono le parole del sindaco - Essere in zona arancione significa allora avere più spazi, riaprire finalmente i negozi, ma diventare anche più responsabili se desideriamo un Natale con un po' di festa: questo virus continua a non concedere sconti».

Valmadrera, riqualificato il parco pubblico di via San Francesco

Da settimana prossima a Valmadrera partiranno gli avvisi per i nuovi buoni alimentari: «Le esigenze sono tante, direi infinite, le risorse purtroppo limitate - prosegue Rusconi - Un grazie a tutti i volontari, un saluto, un pensiero e una preghiera a tutte le persone e le famiglie che stanno soffrendo per questa pandemia, un abbraccio ai nostri anziani della Casa di Riposo, alcuni dei quali saluto in video-telefonata».

Il Natale è ormai vicino, i cittadini possono dimostrarsi vicini alla varie iniziativa promosse in città. «Pensiamo a un Natale in cui ognuno di noi come regalo dedichi un po' del suo tempo a una persona sola... non sarà un Natale di regali, in Comune non sono nè opportuni nè consentiti, pensate a gesti di solidarietà, attraverso i diversi Fondi, le diverse iniziative solidali proposte da Croce Rossa, Parrocchia, Caritas, Cascina Guanella, Comitato Campo in sintetico. Ognuno avrà le sue sensibilità. Zona arancione - conclude il primo cittadino - significa un piccolo miglioramento. Cerchiamo che sia un obiettivo per ognuno di noi, a cominciare dal sindaco».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Priscilla cerca casa: «È dolcissima»

Attualità

I 10 luoghi simbolo di Lecco più amati dai visitatori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento