L'impresa di Paolo: con la carrozzina dalla Brianza fino alla Sicilia

Il 70enne è partito lo scorso 11 maggio da Merate ed è giunto domenica a Catania dopo 1.200 chilometri. «Emozione indescrivibile»

Paolo Rupp all'arrivo a Catania

Attraversare l'Italia senza gambe, utilizzando come mezzo di locomozione la carrozzina, anche se una versione decisamente "speciale".

Protagonista è Paolo Rupp, 70enne brianzolo che anni fa ha perso gli arti inferiori a causa del diabete, e da allora è costretto su una sedia a rotelle. Qualche tempo fa Paolo ha messo a punto un piano da record: percorrere l'Italia dalla sua Brianza fino alla Sicilia utilizzando unicamente una carrozzina elettrica, preparata ad hoc per l'occasione. Il tutto - con l'aiuto di alcuni giovani - per sensibilizzare sulle barriere architettoniche con le quali le persone diversamente abili devono quotidianamente confrontarsi, ma anche per dimostrare una grande forza di volontà.

Lettera aperta al presidente della Regione: «Troppa burocrazia per i disabili»

La partenza è avvenuta lo scorso 11 maggio da Merate, con la prima tappa sino ad Ambivere. Due mesi dopo, l'arrivo in Sicilia. Paolo ha terminato il proprio viaggio domenica 14 luglio, giungendo a Catania dopo 1.200 chilometri e 50 tappe attraverso sette regioni. Sulla pagina Facebook "Rotellando verso Sud", il 70enne ha costantemente pubblicato aggiornamenti relativi al viaggio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Viaggio colmo di emozioni»

«L'emozione è indescrivibile ragazzi - ha scritto all'arrivo a Catania, rivolgendosi ai suoi numerosi follower - Non si può spiegare a parole. Per la testa in questi momenti passano mille pensieri, flash, momenti, è stato un viaggio a dir poco fantastico colmo di fortissime emozioni. Ringraziamo in particolar modo i ragazzi del "Fridays for future catania" per l'accoglienza a dir poco fantastica. Grrazie a tutti quanti voi per l'affetto dimostrato e per il supporto durante l'intero viaggio, siete stati il vero "motore" e la spinta quotidiana per arrivare fino ad oggi qua. Adesso l'adrenalina è a mille, oggi pomeriggio prendiamo finalmente una mezza giornata di riposo per metabolizzare bene ció che abbiamo "combinato", e anche per (finalmente) riposarci un po'».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Transumanza da record a Lecco: atteso sabato il passaggio di 3.200 pecore

  • Il ricordo di Chiara in via Papa Giovanni: «Sarai sempre nei nostri cuori»

  • Allo stadio "Rigamonti-Ceppi" l'ultimo saluto alla giovane Chiara Papini. Ai domiciliari l'investitore

  • Transumanza a Lecco: il maxi gregge ha completato il suo viaggio verso la Valsassina

  • Scontro fra moto a Mandello, conseguenze gravi per tre persone

  • Settecento persone per l'ultimo saluto a Chiara al "Rigamonti-Ceppi": «Siete ragazzi speciali, ricordatelo»

Torna su
LeccoToday è in caricamento