Dolori e malesseri da aria condizionata: come utilizzarla in sicurezza

Durante la stagione estiva, per lenire il caldo umido, il condizionatore risulta essere la soluzione migliore. Se da un lato portano sollievo, dall’altro lato possono causare problemi di salute

La bella stagione è alle porte, ma quando afa e sudore ci travolgono, l'unica soluzione è ricorrere al condizionatore d'aria, soprattutto se viviamo o lavoriamo in città, dove il disagio causato dalle elevate temperature rende veramente difficile svolgere le normali attività quotidiane. 

Sicuramente è un grande sollievo, ma l'aria condizionata dovrebbe essere usata con criterio se non ci si vuole imbattere in fastidiosi dolori, mal di gola e mal di testa. Il benessere che avvertiamo infatti, ci può spingere ad abusarne, e senza rendercene conto iniziamo ad avvertire un leggero bruciore alla gola, a starnutire o a sentire qualche brivido di febbre in corpo.

Ecco alcuni consigli per utilizzare al meglio l'aria condizionata. 

Problemi causati dall’aria condizionata 

Se utilizzata male, l'aria condizionata causa diversi problemi alla salute, soprattutto per i soggetti più a rischio. Lo sbalzo termico infatti, può provocare torcicollo, contratture, crampi e strappi. Il mal di gola è una delle più tipiche conseguenze dell’uso eccessivo dell’aria condizionata. 

L’aria condizionata può provocare anche un raffreddamento che determina uno stato febbrile, disturbo decisamente fastidioso quando si presenta in estate. Possono insorgere anche problemi molto seri come l'insufficienza respiratoria, soprattutto in bambini, anziani e malati cronici. Queste anomalie, se nelle persone sane non vengono neanche percepite, nei soggetti più a rischio possono generare problemi respiratori anche gravi. 

Esistono anche rischi per la nostra salute legati al cattivo funzionamento dei condizionatori: sii tratta di batteri, virus e polveri sottili che attaccano il corpo umano. 

Soluzioni e rimedi

Quando raffreddiamo l’ambiente con un climatizzatore dobbiamo ricordarci di non abbassare troppo la temperatura dei locali, che dovrebbe essere mantenuta tra i 25 e i 27°C. È importante far revisionare regolarmente l’impianto, pulire i filtri o sostituirli per igienizzare. In caso contrario insieme con l’aria fresca potremmo respirare agenti dannosi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico investimento sulla direttrice Milano-Lecco: la vittima era scomparsa nella mattinata

  • Indice Rt sbagliato, Lombardia "arancione"? «Ma da Roma basta calunnie»: Fontana "assaltato" dalle minoranze

  • Stroncato da un malore in montagna: Mandello piange Carlo Gilardi

  • Lecco, la Lombardia è zona rossa fino al 31 gennaio. Ecco le regole

  • "Bustine di zucchero con il volto di Mussolini nel bar": polemica alle porte del Lecchese

  • Mandello piange il suo grande campione Giovanni Zucchi

Torna su
LeccoToday è in caricamento