menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Saccheggiati i bancomat di cinque province lombarde

Saccheggiati i bancomat di cinque province lombarde

26 colpi in 12 ore: fermati i ladri di bancomat

I colpi messi segni anche nel lecchese per racimolare un totale circa 50.000 euro in tutta la Lombardia

Sono stati 26 i bancomat di poste e banche presi di mira e saccheggiati nel giro di 12 ore, tra il pomeriggio del 21 aprile 2013 e la mattinata seguente. I malviventi erano riusciti a mettere insieme un bel bottino di 4.600 euro, una piccola fetta di torta se si pensa che erano riusciti a racimolare nel totale circa 50.000 euro in tutta la Lombardia passando da un pos ad un altro inserendovi carte clonate per rubare parte del denaro contenuto nelle macchine erogatrici di cartamoneta.

In collaborazione con i carabinieri di Turate, i carabinieri della compagnia di lomazzo, hanno arrestato i tre responsabili che erano giunti anche in territorio lecchese per continuare il loro "lavoro". Merate, Olgiate Molgora, Civate e Malgrate erano le loro mete, così come Cesano Maderno, Lentate sul Seveso, Rovellasca, Cadorago, Cassina Rizzardi, Macherio, Como, Carugo, Inverigo, Veduggio con Colzano, Correzzana, Usmate Velate, Carnate, Ronco Briantino, Cusano Milanino, Cormano, Limbiate, Varedo, Villasanta, Calusco d'Adda. Un totale di cinque province lombarde (Lecco, Monza, Milano, Bergamo e Como ) vittime dei tre ladri di origine rumena, ora assicurati alla giustizia grazie al coordinamento dell'attività invetigativa del comando di Como che ha permesso, nella giornata di martedì 13 maggio, di fermare l'azione degli assalitori dei bancomat.

Si parla di tre ragazzi, già arrestati in Turchia per analoghi reati anche in quel Paese, P.D.C. (classe ’84, residente nel reggiano),  L.V. (classe ’83, residente nel milanese) e M.N. (classe’86, residente nel reggiano).

Avviata a Como, ora l'inchiesta è sotto la lente della procura di Monza in cui il giudice per le indagini preliminari ha già ottenuto il rinvio a giudzio a carico dei tre delinquenti, il cui processo prenderà il via ,a loro carico, nel mese di giugno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento