menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La gazzella dei carabinieri ha inseguito e ammanettato il fuggitivo

La gazzella dei carabinieri ha inseguito e ammanettato il fuggitivo

Cassago: 38enne arrestato per violenza a pubblico ufficiale

Intorno alle 22.30 di domenica 4 maggio i carabinieri di Cremella inseguono e ammanettano un uomo di origine senegalese

Resistenza a pubblico ufficiale, lesioni e violenza di nuovo a pubblico ufficiale. Sono queste le motivazioni che hanno spinto i carabinieri di Cremella ad arrestare nella serata di domenica 4 maggio un 38enne di origini senegalesi con residenza a Sirtori.

Intorno alle 22.30 della serata i carabinieri in perlustrazione in via Allende hanno imposto l'alt ad un ciclomotore che si dirigeva verso Cremella Cassago. Anzichè fermarsi, il conducente del motorino, dopo aver esitato rallentando la corsa, è fuggito rischiando di investire un militare urtandogli la mano con cui maneggiava la paletta per intimargli la fermata.

Vedendo il soggetto darsi alla fuga, i militari sono saliti a bordo dell'autopattuglia e hanno inseguito il ciclomotore fino al Renate in cui il fuggitivo è scivolato rovinosamente a terra dopo aver perso il controllo del mezzo. La caduta però non lo ha fermato, anzi, rialzatosi immediatamente da terra ha continuato la fuga nei campi lungo la strada rincorso dai militari anch'essi scesi dall'auto per meglio seguire il 38enne. 

Una volta raggiunto il fuggitivo, dopo una breve colluttazione, i carabinieri sono riusciti ad ammanettare l'uomo e condurlo in pronto soccorso prima di accompagnarlo in caserma. All'ospedale di Merate è stata diagnosticata una lussazione alla spalla, dovuta alla caduta dal motorino, con 20 giorni di prognosi per l'arrestato, mentre per uno dei militari sono state riscontrate alcune lesioni dovute alla colluttazione. 

Gli accertamenti del caso hanno portato alla luce che il conducente del ciclomotore era sprovvisto di patente e assicurazione, ecco spiegato il motivo della fuga.

Il soggetto comparirà per rito direttissimo davanti al tribunale martedì 6 maggio in mattinata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cosa si può fare in zona arancione: le nuove regole spiegate

social

"Lol chi ride è fuori": il programma è già diventato un tormentone

Attualità

Al via in Lombardia treni solo per passeggeri "Covid tested"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento