menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Alcune delle infiltrazioni d'acqua nel PalaRavasio di Olginate, ieri allagato a causa del nubifragio.

Alcune delle infiltrazioni d'acqua nel PalaRavasio di Olginate, ieri allagato a causa del nubifragio.

Maltempo: ancora chiuse via De Gasperi al Lavello e la salita per Galbiate a Garlate. Case allagate a Valgreghentino

Il sindaco Marco Passoni, Olginate, rassicura sulle condizioni del palazzetto allagato e ringrazia volontari e cittadini intervenuti per limitare i disagi

«Tengo a precisare che il tetto del palazzetto dello sport non è crollato, e nemmeno scoperchiato. È vero, ci sono stati dei problemi dovuti alle infiltrazioni d’acqua, ma ora la situazione è sotto controllo». Questa la dichiarazione del sindaco di Olginate Marco Passoni il giorno dopo il nubifragio che ha colpito con diversi danni anche il territorio olginatese: allagamenti, alberi sradicati, una donna ferita a bordo della propria auto.

PalaRavasio allagato e donna soccorsa in auto a Olginate

Il sindaco tiene però a precisare che i danni al palaRavasio non sarebbero così gravi come inizialmente segnalato e che le operazioni di messa in sicurezza sono state puntuali e tuttora in corso in varie località del paese. «Oggi ci stiamo dedicando alla rimozione di rami, alle pulizie e a quanto necessario - aggiunge Passoni - Ieri è stato fatto un super lavoro da parte della Polizia locale, dell’ufficio Tecnico e dei volontari della Protezione civile che ringrazio pubblicamente. E voglio dire un grazie anche ai cittadini che hanno dato una grande mano ad affrontare la situazione difficile e a risolvere i disagi».

Abitazioni allagate e pronto intervento a Valgreghentino

Protezione civile e Comune all’opera anche nella vicina Valgreghentino per porre rimedio ad allagamenti e disagi che si sono verificati in alcune abitazioni del paese, in particolare in via Toscanini. Un intervento realizzato a suppurto dei Vigili del fuoco. «Un grande grazie va a tutti i volontari, il cui prezioso intervento ieri sera ha permesso di limitare i danni - commenta l’Amministrazione guidata dal sindaco Sergio Brambilla - Nei prossimi giorni saranno risolti anche i piccoli problemi secondari causati dal forte vento, come rami rotti e cartelli divelti. Chiediamo una mano a tutti i cittadini nella pulizia del paese, anche dai rifiuti dispersi in giro dal vento».

A Garlate resta chiusa almeno fino a domani mattina la salita per Galbiate

Grossi pericoli si sono corsi a Pescate, e anche qui è stato provvidenziale il pronto intervento della Protezione civile per rimuovere quattro grossi alberi caduti sulla strada, sfiorando anche un'auto. Il sindaco Dante De Capitani è intervenuto insieme ai volontari guidati da Daniele Ratti per rimediare ai disagi. I tre alberi sono crollati sulla Provinciale che sale verso Galbiate, e un cipresso in via Sant'Alessandro. Dopo meno di due ore di lavoro con motoseghe e soffiatori da parte dei volontari, le strade sono state riaperte. Resta invece ancora chiusa a Garlate, la strada per Galbiate, sempre a causa di alberi crollati sulla carreggiata. Buona parte delle piante sono state rimossea, ma ne resta ancora una pericolante. La strada dovrebbe essere riaperta nella tarda mattinata di domani, mercoledì, ma, come confermato dal sindaco Giuseppe Conti, molto dipenderà dalle condizioni del tempo delle prossime ore.

Disagi anche nel Calolziese, alberi sradicati e smottamento

Disagi pure nel Calolziese con numerosi alberi caduti, black-out elettrici e uno smottamento all'ingresso del Comune di Carenno. Ancora chiusa fino alle 13 la tratta di viale De Gasperi chiusa da ieri sera per il crollo di due grossi alberi, con code nella zona centrale della città soprattutto tra le 8 e le 9 di questa mattina. «Siamo stati al lavoro fino a tardi ieri sera e siamo allertati anche oggi - fa sapere Cristina Valsecchi, assessore alla Protezione civile di Calolzio - la strada al Lavello non può ancora essere riaperta, e altri disagi si sono registrati per la caduta di alberi anche sulle linee elettriche. Stiamo facendo il possibile per riportare al più presto la situazione alla normalità. Ringrazio tutti i volontari e il personale mobilitato per l'impegno».

Cavi dell'alta tensione ad altezza d'uomo sulla strada per Valcava 

Disagi e pericoli anche lungo la Sp 179 per Valcava, nel Comune di Torre De' Busi. «Due pali dell'Enel si sono piegati a causa del forte vento e i cavi alta tensione arrivano ad altezza uomo sulla Strada provinciale - ha scritto in un post su Facebook il sindaco Eleoenora Ninkovic la scorsa notte - Sono stati allertati Protezione civile e Vigili del fuoco che stanno intervenendo. Prestate attenzione. La situazione è delicata con acse avacuate nella vicina Cisano Bergamasco. Unità di crisi e autorità competenti sono al lavoro».

Nelle foto sotto il palazzetto allagato a Olginate, l'auto "sfiorata" dagli alberi caduti a Pescate, una delle tante piante cadute a Calolzio, e i volontari di protezione civile all'opera a Valgreghentino per rimediare agli allagamenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento