menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il feretro di Gianpaolo Redaelli sul prato di calcio di via Dell'industria.

Il feretro di Gianpaolo Redaelli sul prato di calcio di via Dell'industria.

Preghiera al campo e folla in chiesa, il commosso addio di Olginate al presidentissimo Gianpaolo Redaelli

Dai Pulcini ai calciatori della Prima Squadra, il grazie dell'Olginatese al suo fondatore: «Grande uomo di sport e valori veri»

«La sua missione è stata quella di lavorare innanzitutto per la crescita umana dei ragazzi, prima ancora che per quella sportiva. Per Gianpaolo nulla contava più dei valori dell’educazione e del rispetto. È grazie a lui che l’Olginatese è diventata una vera e propria famiglia». Sono alcune delle parole più significative pronunciate dal Direttore generale dell’Usd Olginatese Fabio Galbusera al termine dei funerali di Gianpaolo Redaelli, il “presidentissimo” della società calcistica bianconera, spentosi domenica all’età di 80 anni.

L'Olginatese piange il suo fondatore e presidentissimo Gianpaolo Redaelli

Attivo in Borsa e nel settore Immobiliare, Redaelli ha fondato l’Olginatese e si è speso per anni per il bene del paese, promuovendo lo sport e i valori ad esso legati con grandi risultati. In tantissimi oggi pomeriggio, martedì, hanno voluto tributargli l’ultimo commosso saluto, prima presso il campo sportivo dove è stata portata la bara per un toccante momento di silenzio e preghiera, poi nella chiesa parrocchiale di Sant’Agnese dove la funzione religiosa è stata concelebrata da don Matteo Gignoli, don Andrea Mellera e dall’ex parroco don Eugenio Folcio, i quali hanno ricordato l’impegno profuso da Redaelli per realizzare i sogni di tanti giovani sportivi, un uomo esemplare al quale va il più sincero grazie per avere investito in uno sport, il calcio, come strumento di serietà, pace e rispetto. Ed erano in tantissimi i giocatori, dai pulcini ai componenti della Prima Squadra, i dirigenti, gli appassionati di sport, gli amici e le autorità che hanno voluto dire grazie al loro presidentissimo: «Non lo dimenticheremo mai».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le 10 meraviglie architettoniche da scoprire nel Lecchese

Attualità

Tir bloccato in via Parini: rallentamenti nel centro di Lecco

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento