menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il raid vandalico di venerdì notte ad Abbadia

Il raid vandalico di venerdì notte ad Abbadia

Vandali in azione ad Abbadia: cestini distrutti, rifiuti sulla spiaggia

Deturpata una delle zone più suggestive del territorio, sulla passeggiata a lago. È il terzo episodio in un anno. Il sindaco: «I soliti maleducati. Aumenteremo i controlli»

Nuovo raid vandalico sulle spiagge di Abbadia Lariana. Uno dei luoghi più suggestivi dell'intera provincia di Lecco è stato deturpato dai soliti ignoti, che nella notte fra venerdì e sabato hanno colpito gli arredi urbani posti sulla passeggiata a lago, distruggendo un cestino, rimuovendo un tavolo fissato al terreno e spargendo i rifiuti sulle rive. Come si può notare dalle foto, è stata riversata a lato del percorso pedonale una notevole quantità di bottiglie vuote, in particolar modo di alcolici.

In mattinata gli addetti del Comune di Abbadia sono intervenuti per rimuovere i rifiuti, e la Polizia locale ha effettuato un sopralluogo per preparare la denuncia contro ignoti.

L'ultimo raid lo scorso 4 marzo

Sul triste episodio, il terzo nell'ultimo anno, è intervenuto il sindaco Cristina Bartesaghi. «Sinceramente - ha commentato - non vogliamo rassegnarci a vedere ogni anno, all'inizio della stagione più mite, il risultato delle attività notturne di alcuni gruppi di maleducati e perditempo che si divertono a rovinare arredi e lasciano rifiuti abbandonati sulle spiagge».

Abbadia avrebbe, a breve, inaugurato la bella stagione con l'apertura dell'ufficio turistico o del Parco Ulisse Guzzi, oppure con la manifestazione "Michy Motor Day". Invece i vandali sono stati più veloci.

«A volte, quando vado a dormire, mi viene da pensare a tutte le persone che di notte lavorano a servizio di tutta la comunità e per far progredire l'economia: operai dei turni, forze dell’ordine, sanitari - commenta con amarezza il primo cittadino - Invece questi gruppi di persone non solo sono assolutamente inutili per la società, ma producono anche danno. Come al solito ci impegneremo a ripulire e aumenteremo i controlli, ma mi chiedo: non c'è un loro parente o amico a conoscenza di questo loro incivile comportamento? Nessuno sa mai niente?»

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cos'è il lasciapassare per uscire dalla Lombardia e spostarsi tra regioni

Attualità

Le 10 meraviglie architettoniche da scoprire nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento