Acqua affidata a Lario Reti, Musumeci (ApL): "Con emendamento abbiamo cercato convergenza"

La portavoce di Appello per Lecco soddisfatta per l'esito del voto in Consiglio comunale

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccoToday

Appello per Lecco si congratula con i propri consiglieri e con la maggioranza, che hanno votato a favore della proposta di affidamento ventennale del servizio idrico provinciale a Lario Reti Holding. Si tratta di un successo della maggioranza di cui Appello per Lecco si prende un piccolo merito grazie all'emendamento inserito nella proposta, di cui un punto ha accolto anche l'appoggio di alcuni membri dell'opposizione.

Ribadendo, infatti, anche durante il Consiglio, piena fiducia al Sindaco Virginio Brivio ad opera del capogruppo Gianluca Corti e a nome di tutto ApL, e alle sue competenze maturate durante gli anni su una materia tanto complessa e delicata, con l'emendamento Appello per Lecco ha voluto, in primis, salvaguardare il richiamo ai requisiti per legge, riaffermando fortemente che l'acqua deve rimanere assolutamente un bene pubblico, e ha cercato una convergenza con la maggioranza, dando modo anche agli esponenti dei gruppi all'opposizione di condividere la posizione, aprendosi alla città.

Infine, il punto dell'emendamento relativo all'inserimento nel nuovo statuto sociale di Lario Reti Holding Spa, del divieto di intraprendere rapporti di consulenza diretti o tramite loro partecipate con le società controllate e/o controllanti dirette o indirette, sia ai membri del Cda delle società partecipate e nella fattispecie, quelle già esistenti, cosi come ai membri del collegio dei Sindaci revisori, è un ulteriore segno di attenzione alla trasparenza e al rispetto dei cittadini.

Pertanto, Appello per Lecco coglie ancora l'occasione per complimentarsi per la compattezza mostrata dalla maggioranza nel consiglio comunale di ieri.

Viviana Musumeci - Portavoce Appello per Lecco

Torna su
LeccoToday è in caricamento