menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Dario Fo (foto ANSA)

Dario Fo (foto ANSA)

Addio a Dario Fo, "giullare" della cultura italiana

Il Nobel, nel 1997, "perchè, seguendo la tradizione dei giullari medievali, dileggia il potere restituendo la dignità agli oppressi"

La cultura è in lutto. Dario Fo, premio Nobel per la Letteratura nel 1997, si è spento a Milano, in un letto del nosocomio "Sacco", dove - da qualche giorno - era ricoverato.

Fo, figlio di un ferroviere, dopo gli studi a Brera, fonda - con Franca Rame, compagna d'arte e di vita - la compagnia Fo-Rame e, negli anni della contestazione, dà il via alla fortunata avventura del teatro autogestito, politicamente e socialmente connotato, andando a recitare nelle piazze e nelle fabbriche. Lavora - poi - per la RAI, mai rinunciando alla satira politica, che - negli anni - gli vale più d'una censura.

La straordinaria carriera di autore, attore e scenografo raggiunge il clumine - nel 1997 - con il Nobel, "perchè, seguendo la tradizione dei giullari medievali, dileggia il potere restituendo la dignità agli oppressi".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cos'è il lasciapassare per uscire dalla Lombardia e spostarsi tra regioni

Attualità

Le 10 meraviglie architettoniche da scoprire nel Lecchese

Attualità

Si prenota per il vaccino anti-Covid, poi rinuncia: «Ho paura»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento