menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Adozioni, da Regione Lombardia l'impegno a ridurre i costi e snellire la burocrazia

Approvata la mozione a sostegno delle famiglie che scelgono di adottare un figlio: costi, tempi e procedure andranno ridotti.

Le adozioni nel territorio lombardo saranno semplificate: quasta la decisione presa ieri dal Consiglio regionale, che ha approvato la mozione presentata dal Nuovo centrodestra per snellire le procedure burocratiche e stanziare risorse economiche in aiuto di chi sceglie di adottare un bambino.


Negli ultimi anni si è registrato un calo preoccupante delle disponibilità ad adottare: si è passati dalle 6.147 domande del 2008 alle 5.057 del 2012, diminuzione dovuta per gran parte ai costi eccessivi e ai tempi troppo lunghi.


Adottare un bambino straniero, infatti, costa mediamente 20mila euro e richiede circa 3 anni e 4 mesi: un'ingiustizia sia nei confronti degli aspiranti genitori, sia dei bambini a cui viene tolto del tempo che, con tempistiche inferiori, potrebbe passare circondato dal calore di una famiglia. 


«L'approvazione di questa mozione – spiega il consigliere lecchese Mauro Piazza – rappresenta una risposta concreta alle richieste pervenute da molte associazioni e famiglie che da anni chiedono interventi da parte delle istituzioni per ridurre i tempi e i costi. Richieste divenute ancor più forti e pressanti dopo aver visto la velocità con cui è stata normata la fecondazione eterologa in tutte le Regioni»


In questo modo, prosegue Piazza, «impegniamo la Giunta e il Governo nazionale a mettere in campo interventi urgenti e improrogabili: dallo stanziamento di risorse per abbattere i costi delle procedure agli interventi per ridurre i tempi sino ad arrivare alla stipula di accordi bilaterali con i Paesi di origine dei minori per semplificare e rendere più efficienti le procedure di adozione».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Verso il nuovo Dpcm del governo Draghi: ecco cosa cambierà

Attualità

A lezione fino al 30, esami di maturità orali il 16 giugno e apertura in anticipo: cosa vogliono fare Draghi e Bianchi sulla scuola

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento