rotate-mobile
La vicenda / Brianza

Aggredito in bagno e abbandonato in mezzo alla strada: tre arresti

Alle violenze è legato un tentativo d'intimidazione per far ritirare una denuncia

Volevano che ritirasse una denuncia. Per questo motivo l'hanno aggredito, picchiato, rinchiuso in pieno giorno nel bagno di un bar e privato del cellulare così da non poter chiedere aiuto. E poi costretto a salire a bordo di una macchina e abbandonato in mezzo alla strada. Una vicenda agghiacciante raccontata dai colleghi di MonzaToday.it.

Un “sequestro” messo in scena forse a scopo dimostrativo quello che lo scorso novembre ha visto protagonisti tre uomini a Vimercate con un 40enne residente in città come vittima. Ora i tre, un 37enne e un 36enne di Bernareggio e Lomagna e un uomo di 52 anni di Vimercate, sono stati raggiunti da un'ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari emessa dal gip del Tribunale di Monza al termine di un’indagine condotta dai carabinieri della compagnia di Vimercate.

Un’aggressione e un sequestro messi in scena forse per un regolamento di conti, per fare pressioni e minacciare la vittima perché ritirasse una denuncia e perchè si addossasse la colpa di una precedente rapina per la quale risulta coindagato con un altro uomo e per cui lo scorso agosto era già stato picchiato proprio per indurlo a cambiare la versione dei fatti su quel giorno.

In quell’occasione il 40enne era finito in ospedale e aveva denunciato le lesioni subite. A mesi di distanza poi la nuova aggressione con il sequestro per indurlo sotto minaccia e botte a ritirare anche quella denuncia. Il provvedimento del gip invece ha fatto scattare gli arresti domiciliari per i tre.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aggredito in bagno e abbandonato in mezzo alla strada: tre arresti

LeccoToday è in caricamento