Crea scompiglio alla Caritas e, fermato, in Questura: uomo finisce in carcere

Un marocchino di quarantotto anni è stato tratto in arresto dagli agenti della Squadra Volanti

Nella serata di ieri venerdì 25 gennaio, alle ore 21.00 circa, il personale della Polizia di Stato facente parte della Squadra Volanti è intervenuto in via Caldone di Lecco, presso la struttura della Caritas “Rifugio notturno per i senza fissa dimora”, dov'era stata segnalata una persona aggressiva che stava creando scompiglio.

Diverbio tra una coppia degenera in aggressione: donna finisce in ospedale

Aggressivo già la sera precedente

Giunti sul posto, i poliziotti hanno notato una persona particolarmente agitata e dei cassonetti della spazzatura sparpagliati per il cortile; immediatamente sono stati avvicinati dalla responsabile della struttura, la quale ha riferito loro che il soggetto non avrebbe potuto accedere, in quanto già il giorno precedente si era presentato ubriaco e fuori orario d'ingresso e con l’ausilio delle Forze di Polizia era stato allontanato.

La stessa ha riferito inoltre agli agenti che poco prima del loro arrivo, una volta negatogli l’ingresso nella struttura, il soggetto ha iniziato ad andare su tutte le furie, aggredendo fisicamente uno dei volontari nel cercare di entrare nella stessa e, a quel punto, hanno dovuto richiedere nuovamente l’intervento delle Forze dell’Ordine.

Violenza contro la sede di Caritas e Coop. Arcobaleno: «Patologia figlia di sofferenza, va tutelato»

Condotta violenta anche in Questura

I poliziotti della Volante hanno cercato di riportare il soggetto alla calma e, mentre lo stavano riaccompagnando verso l’uscita, lo stesso, giunti all’altezza del cancello, all’improvviso, senza un apparente motivo, ha dato dapprima un calcio alla gamba destra di un agente e successivamente ne ha spintonato un altro, facendolo urtare contro il cancello dell’ingresso. Ne è nata una colluttazione e il soggetto è stato quindi immobilizzato e accompagnato presso gli uffici della locale Questura, dove ha mantenuto inalterata la sua condotta aggressiva, minacciando gli agenti e spaccando anche una bacheca affissa al muro.

Alla luce di quanto sopra il soggetto, E.M.Y., 48enne marocchino, regolare sul territorio nazionale, è stato quindi tratto in arresto per i reati di resistenza a Pubblico Ufficiale, lesioni e danneggiamento aggravato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella mattinata odierna, presso il Tribunale di Lecco, ha avuto luogo il rito direttissimo, dove l’arresto è stato convalidato e al reo è stata applicata la misura della custodia cautelare in carcere in attesa di giudizio.

Grazie a City Angels e Caritas Lecco salvato un anziano scomparso in Alto Adige

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sesso in barca sul lago di Como, il video diventa virale

  • Infermiere accoltellato dalla figlia in Valtellina: è grave e ricoverato a Lecco

  • Lombardia, nuova ordinanza regionale: mascherina all'aperto se non è garantito il distanziamento. Novità per trasporti e celebrazioni religiose

  • Sub lecchese travolto e ucciso da un motoscafo in Sardegna

  • Varenna, protagonista su Rai Uno, diventa il paese dell'amore

  • Segnalata una canoa ribaltata nel lago sotto il diluvio: ricerche a Mandello

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento