menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Per l'Aido un 2017 confortante: trapianti e donatori in aumento

Gli iscritti sono 24.737, di cui 542 nuovi nel corso dell'anno solare. A Lecco, però, anche sette opposizioni. Sartor: «C'è ancora molto lavoro da fare»

Sono scattate con il gruppo Centro Valle della Valsassina le assemblee annuali dei gruppi comunali dell'Aido nel nostro territorio.

L'occasione è propizia, in questo momento dell'anno, per tracciare un bilancio delle attività svolte e prepararsi all'assemblea provinciale del prossimo aprile.

I numeri del 2017 sono confortanti per l'Aido provinciale. Gli iscritti sono 24.737, di cui 542 nel corso dell'anno solare. A livello nazionale, i donatori sono stati 1.741 (sia deceduti che viventi), per un incremento del 9% rispetto all'anno precedente. Positive le ripercussioni sui trapianti: 3.921 gli interventi totali di organi prelevati, anche in questo caso un incremento, pari al 6%.

Una flessione, per la prima volta, si è registrata sulla lista di attesa: 8.743 pazienti al 31 dicembre 2017 contro i 9.026 di dodici mesi prima.

Nello specifico, a Lecco, 18 donatori segnalati, 40 organi donati, ma ben 7 opposizioni, in aumento rispetto allo scorso anno. 

Tra i Comuni nella nostra provincia che hanno aderito al progetto di Aido "Una scelta in Comune" - al momento 38 - per dare ai cittadini la possibilità di scelta sul dono, la percentuale di consensi più bassa si verifica a Nibionno con il 52,5%. A Lecco città, su 1.932 casi, soltanto il 10,5% di opposizioni, 202.

Come ha sottolineato il presidente provinciale dell'Aido Antonio Sartor, il lavoro da fare in termini di sensibilizzazione non è ancora finito.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cos'è il lasciapassare per uscire dalla Lombardia e spostarsi tra regioni

Attualità

Le 10 meraviglie architettoniche da scoprire nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento