rotate-mobile
Martedì, 27 Febbraio 2024
Il dramma

Scomparso nel Garda Alessandro Redaelli: ricerche ancora senza esito

Non si trova il 41enne nato in città e trasferitosi pochi anni fa: domenica si è materializzato il dramma

Sarà un'altra giornata di ricerche, quella di oggi, volta a ritrovare Alessandro Redaelli. Del 41enne lecchese inghiottito dal lago di Garda non c'è ancora traccia: a nulla sono valsi, finora, gli sforzi compiuti dai soccorritori per riuscire a ritrovarlo. Il dramma che ha colpito il Lecchese si è materializzato intorno alle ore 15.40 di domenica: Alessandro, residente in città fino a pochi anni fa prima del trasferimento a Peschiera del Garda, si trovava insieme alla compagna Sabrina e ai due figli piccoli. L'uomo era a bordo del proprio natante nelle acque antistanti la località Rivoltella di Desenzano e si è sentito male mentre stava facendo il bagno. Alle 13.29 aveva diffuso un messaggio sui social network, svelando la propria soddisfazione per la giornata in barca vissuta insieme al resto della famiglia.

A lanciare l’allarme alla Guardia Costiera è stata la moglie tramite il numero di emergenza 1530. Immediato l’invio in zona del GC A 58 della stessa Guardia Costiera, già presente nel basso lago per vigilanza, dell’idroambulanza del 118 e di un’Unità navale dei Vigili del Fuoco. Richiesto alla Sala Operativa dei Vigili del Fuoco di Brescia anche l’invio dei sommozzatori dei Vigili del Fuoco giunti da Bologna con elicottero.

La Sala Operativa della Guardia Costiera del Lago di Garda, oltre a inviare anche un’ulteriore unità navale, nello specifico la MV CP 703  già in vigilanza sulla sponda veneta, per le ricerche di superficie ha richiesto, tramite la Prefettura di Brescia, l’impiego dei Volontari del Garda per le ricerche con strumentazione di profondità, sonar e rov.

Ricerche ancora in corso

Le ricerche di superficie, domenica, sono iniziate con l’elicottero dei pompieri, con due unità navali della Guardia Costiera di Salò e con un mezzo navale degli stessi Vigili del fuoco, mentre sono in corso anche le ricerche di profondità con i sommozzatori, che si sono immersi sul punto in cui è stato visto il diportista, nonché con la strumentazione sonar e rov in dotazione ai Volontari del Garda. Le speranze di riuscire a ritrovare l'uomo ancora in vita sono ridotte al lumicino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scomparso nel Garda Alessandro Redaelli: ricerche ancora senza esito

LeccoToday è in caricamento