menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Allerta Meteo, avviso di elevata criticità per rischio idrogeologico

Il Centro Funzionale Monitoraggio Rischi Naturali di Regione Lombardia conferma le indicazioni inviate ieri ai Presidi territoriali.

Il Centro Funzionale Monitoraggio Rischi Naturali di Regione Lombardia ha emanato il seguente avviso di criticità regionale per rischio idrogeologico e idraulico. 

"Nella giornata di ieri sono state rilevate precipitazioni diffuse sui rilievi alpini e prealpini, più sparse sulla pianura, a prevalente carattere di rovescio e temporale, localmente anche forte. Nelle ultime 12 ore sull'alta pianura centrale e occidentale sono state registrate precipitazioni sparse, complessivamente moderate (20- 50 mm), a carattere di rovescio e temporale, altrove più deboli ed isolate. Si conferma il previsto peggioramento per il progressivo avvicinamento della perturbazione Atlantica attualmente sulla Spagna, che determinerà sulla regione un flusso instabile da sud-sudovest in intensificazione dalla sera di oggi e nella giornata di domani, lunedì 13/10. Sulla regione sono previste precipitazioni diffuse a carattere di rovescio e temporale, localmente anche forti, che in generale interesseranno più i rilievi (in particolare occidentali), e saranno più intense dalle prime ore e fino al tardo pomeriggio di lunedì,13/10. Si prevede una maggiore persistenza delle precipitazioni su Varesotto, sponda occidentale del Lago di Como e Valchiavenna. Sugli altri rilievi e sull'alta pianura occidentale sono previste precipitazioni da moderate a forti ma meno persistenti. Sulle aree di pianura e sull'Oltrepò Pavese le precipitazioni saranno in generale moderate ma con possibili picchi in corrispondenza dei temporali. Sono inoltre previsti venti forti da sud in quota e venti da moderati a forti da est-sudest sulle aree di pianura e sulla fascia pedemontana nelle ore centrali di lunedì.

Si confermano le indicazioni inviate ieri ai Presidi territoriali, ovvero di prestare attenzione e mantenere un'adeguata attività di sorveglianza, specie in concomitanza ai fenomeni più intensi:
- ai possibili effetti di esondazione di corsi d'acqua, con particolare attenzione ai Comuni insistenti sulle aste del reticolo idraulico nord milanese (bacini
Olona – Seveso – Lambro) e del reticolo idraulico minore in concomitanza dei rovesci più intensi;
- al possibile riattivarsi di fenomeni franosi in zone assoggettate a tale rischio.

Si consiglia, dove ritenuta necessaria, l’intensificazione dell’attività di monitoraggio e l’attuazione di tutte le misure previste nella Pianificazione di Emergenza locale e/o specifica.
In conseguenza della previsione di MODERATA CRITICITÀ per rischio idrogeologico e ORDINARIA CRITICITÀ per rischio idraulico e temporali forti sull’area G, è stato emesso uno specifico comunicato che segnala la attivazione della FASE DI PREALLARME per gli scenari A (Frana di Pal) e B (Colate Val Rabbia) e della FASE DI ORDINARIA CRITICITÀ per gli scenari C e D (Alluvione) , rimandando alle azioni previste dalla «Pianificazione d’Emergenza provinciale per rischio Idrogeologico-Idraulico del Fiume Oglio e del torrente val Rabbia»."

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il futuro dell'ex "Larius"? Guarda a Oriente: a Lecco apre Nima

Attualità

Priscilla cerca casa: «È dolcissima»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento