menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La merce sequestrata a Mabrouk Youssef

La merce sequestrata a Mabrouk Youssef

Annone, marocchino arrestato nella notte: trasportava droga su macchina rubata

27 anni, è stato condannato a un anno e mezzo di carcere (pena sospesa)

I Carabinieri della Stazione di Oggiono hanno arrestato ieri sera Mabrouk Youssef, 27enne cittadino marocchino, in Italia senza fissa dimora, responsabile di detenzione a fini di spaccio di stupefacenti.

Nella tarda serata i militari della Stazione di Oggiono in servizio di pattuglia hanno avviato le ricerche di un‘autovettura Fiat Punto di colore grigio scuro, risultante provento di furto commesso a Gallarate lo scorso 19 gennaio, segnalata in transito in quel centro dalle telecamere di videosorveglianza del comune.

Dopo aver perlustrato la zona, la pattuglia è riuscita ad intercettare l’auto in questione ed è iniziato così un inseguimento, terminato poco dopo all’altezza di via I° Maggio di Annone Brianza, ove il mezzo, alla cui guida vi era il giovane marocchino, è stato finalmente fermato.

L’immediata perquisizione eseguita dai carabinieri ha permesso di  trovare numerose banconote di vario taglio, per un importo complessivo di 380 euro, nonchè, ben nascosta nel vano fusibili alla sinistra del volante della vettura, una confezione di caramelle nella quale erano occultate 15 dosi di cocaina avvolte singolarmente in cellophane, pronte per la cessione.

Maboruk è stato trovato in possesso anche di due telefoni cellulari, che nelle ore successive al fermo hanno continuato a squillare, verosimilmente per le numerose chiamate dei clienti che attendevano la consegna della droga per il fine settimana.  

A questo punto il marocchi è stato dichiarato in stato di arresto e trattenuto nelle celle di sicurezza del Comando, in attesa della celebrazione del processo con giudizio direttissimo.

Questa mattina si è tenuta l’udienza, a seguito della quale il marocchino è stato condannato ad anni 1 e mesi 6 di reclusione, pena sospesa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento