Nuova stretta / Acquate - Malnago - Falghera - Deviscio / Corso Promessi Sposi

Lotta alla mafia: colpite altre due attività

Nelle ultime settimane sono state colpite sei aziende

Ancora un giro di vite contro l'imprenditoria malata che agisce a Lecco. Altre due interdittive antimafia sono state adottate dal prefetto di Lecco Sergio Pomponio nei confornti di due imprese che operano all'interno della città capoluogo: nello specifico si tratta di una Srl attiva nella conduzione di compagine marketing e altri servizi pubblicitari", oltre a un'impresa individuale con attività prevalente di riparazione e manutenzione di parti per macchine utensili.

Erano recidivi

Nei confronti dei titolari delle due imprese, già gravati da numerose condanne, sono emerse le condizioni ostative previste dal codice antimafia, che determinano l’adozione di un provvedimento interdittivo, poiché entrambi sono stati condannati per il reato di associazione di tipo mafioso previsto nel codice penale.

“L’informazione interdittiva costituisce uno dei principali strumenti di prevenzione amministrativa nel contrasto alla criminalità organizzata. Si tratta di due provvedimenti adottati dopo puntuale istruttoria svolta dal gruppo interforze antimafia, coordinato dalla Prefettura e del quale fanno parte Questura, Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza e Direzione Investigativa Antimafia, con la comune volontà di salvaguardare l’economia legale”, spiega la Prefettura di Lecco in una nota.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lotta alla mafia: colpite altre due attività
LeccoToday è in caricamento