menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La sede di API Lecco

La sede di API Lecco

Intesa Api-Sindacati sulla conciliazione tra famiglia e lavoro

L'accordo è stato siglato presso la sede dell'Api in via Pergola alla presenza di Cgil, Cisl e Uil, rappresentate dai rispettivi segretari provinciali

E' stata presentato questa mattina, giovedì 4 settembre, presso la sede di Api Lecco (associazione piccole e medie imprese) in via Pergola l'accordo siglato dall'associazione con i sindacati di Cgil, Cisl e Uil l'Intesa territoriale per la conciliazione vita-lavoro che è stata sottoscritta dalle Parti sociali. L+o strumento è rivolto alle aziende lecchesi e mira ad implementare la sostenibilità di modelli di welfare aziendale ed interaziendale innovativi per promuovere il benessere sociale dei dipendenti e delle loro famiglie attraverso differenti interventi quali ad esempio la flessibilità aziendale, la cura dei figli e dei familiari con disabilità.

Presenti, in rappresentanza dei rispettivi organismi, il presidente dell'Api Luigi Sabadini con il direttore Mauro Gattinoni, il segretario provinciale di Cgil Wolfango Pirelli, di Cisl Valerio Colleoni e di Uil Carmelo Orlando.

"La famiglia va sempre più vista come il salvagente del welfare - ha spiegato Gattinoni - e, di conseguenza, bisogna migliorare la vita dei singoli componenti tramite promozioni ed eventi che vadano incontro alle esigenze, in particolare delle donne. Questo accordo può fare la differenza, anche grazie ad un'apposito studio che verrà aperto per valutare i singoli progetti

"Per la nostra associazione è di vitale importanza conciliare i tempi di vita e lavoro - ha puntualizzato Sabadini - e, per questo, diamo la priorità alle lavoratrici. Fruendo dei contributi regionali, le parti si sono impegnate a promuovere delle azioni di welfare aziendale ed intraziendale. L'attenzione dovrà essere rivolta alle persone, mentre va ricordato che l'intesa qui siglata si rivolgerà a tutti i tipi d'impresa."

"Questo accordo facilita l'applicazione delle norme regionali , che in assenza di questa firma avrebbe rischiato di essere limitata", ha ricordato Pirelli, seguito poi dall'intervento di Colleoni: "Dobbiamo dare delle risposte efficaci a chi lavora e in casa ha una situazione non facile, vista la difficoltà nel conservare il proprio posto di lavoro. Nel 2013, 160 donne hanno interrotto il proprio rapporto lavorativo dopo la maternità, così come registrato anche nel 2012."

Simiile anche il pensiero ddi Orlando: "Quest'intesa deve valorizzare la conciliazione tra famiglia e lavoro sostenendo la flessibilità organizzativa, con la consapevolezza che il benessere della persona concorre a creare le condizioni di competitività ed efficenza dell'impresa. Importante quantomeno mantenere il tasso attuale di occupazione femminile."

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento