Cronaca

Operazione "Metal Money": revocati gli arresti domiciliari alla briviese Clara Ferrari

La donna, classe 1973, ha risposto alle domande del Gip Alessandra Clemente. Ora è sottoposta all'obbligo di firma

Clara Ferrari, classe 1973 di Brivio

Nuova evoluzione nell'inchiesta anti-'ndrangheta "Metal Money". In seguito all’interrogatorio di garanzia per la convalida della misura cautelare, ex art. 294 C.p.p., tenutosi in lo scorso 12 febbraio presso il Tribunale di Milano, il Gip Alessandra Clemente, con ordinanza ex art. 299 C.p.p. emessa il 15 febbraio, ha revocato a Clara Ferrari, briviese classe 1973, la custodia cautelare degli arresti domiciliari eseguita il data 9 febbraio, disponendo la misura di gran lunga meno afflittiva dell’obbligo di firma. Nella serata di martedì gli organi di controllo della polizia giudiziaria hanno provveduto alla liberazione della, non essendo detenuta per altra causa.

«Posizione ulteriormente affievolita»

«Inutile sottolineare che sono estremamente soddisfatto delle valutazioni operate dal Giudice le quali, unitamente alle dichiarazioni rese dalla mia assistita, affievoliscono ulteriormente la posizione della mia assistita nell’ambito di questa complicatissima vicenda - ha spiegato l'avvocato Federico Maggioni del Foro di Lecco, difensore di fiducia della donna -. Attendiamo serenamente, pertanto, l’avvio del processo ove verrà dimostrata l’estraneità della signora Ferrari ai fatti ad essa contestati».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operazione "Metal Money": revocati gli arresti domiciliari alla briviese Clara Ferrari

LeccoToday è in caricamento