"Troppi litigi in famiglia", marocchino evade dai domiciliari per tornare in carcere

Fouad Jaber, classe 1979, era finito agli arresti domiciliari per spaccio di droga nel 2016

Il 22 novembre i carabinieri della Stazione di Brivio hanno arrestato - eseguendo il Decreto di sospensione degli arresti domiciliari disposto dal Magistrato di Sorveglianza di Varese - Fouad Jaber, classe 1979, cittadino marocchino, domiciliato ad Airuno.

Il cittadino marocchino, arrestato lo scorso 5 novembre 2015, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti in concorso, era stato successivamente sottoposto, il 23 marzo 2016, al regime degli arresti domiciliari in Airuno, presso la famiglia della sorella.

Lo stesso, nuovamente arrestato il 23 ottobre 2017 per evasione, in quanto sorpreso dai Carabinieri di Brivio all’esterno della sua abitazione, aveva dichiarato di non voler più convivere con i familiari per i continui dissidi, manifestando la volontà di tornare in carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lecco celebra il patrono San Nicolò

  • Crandola Valsassina: trovato morto nella vasca da bagno Vittorio Galluzzi

  • Scompare dopo la festa dei coscritti: ore di angoscia per Nicola Scieghi, si cerca nell'Adda

  • Gli occhi della Prefettura sul "Cermenati": messi i sigilli con "un'antimafia" al bar del centro

  • Ristoratori egiziani donano l'incasso all'ospedale di Lecco: «Il nostro grazie alla vostra sanità»

  • Bimba nasce prematura in casa, intervento dei soccorsi a Vendrogno

Torna su
LeccoToday è in caricamento