menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Era latitante da un anno: arrestato l'ultimo fuggitivo dell'operazione "Capolinea"

La Squadra Mobile della Questura di Lecco ha arrestato il 33enne marocchino, ultimo tra i quattordici accusati di spaccio

Il giorno 12 aprile il personale della Squadra Mobile della Polizia di Stato della Questura di Lecco ha arrestato R.K., 33enne marocchino, latitante in quanto destinatario di un’ordinanza di custodia cautelare emessa in data 18 maggio 2017 nell’ambito dell’operazione “Capolinea”, coordinata dal Sostituto Procuratore della Procura di Lecco, la Dott.ssa Silvia Zannini, per i reati detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti in concorso.

Lecco, operazione "Capolinea": otto persone arrestate

Il soggetto catturato, l'unico ancora a piede libero tra i quattordici colpiti dalla misura cautelare, è stato rintracciato nel comune di Proserpio, nel comasco, al termine di una complessa attività d'indagine sviluppata in breve tempo dal personale della sezione Antidroga della Squadra Mobile; il soggetto, circa un mese fa, per sottrarsi ad un controllo stradale di personale dell’Arma dei Carabinieri aveva causato un incidente con feriti lungo la Strada Provinciale 342.

Nell’ambito dell’operazione Capolinea era emerso che R.K. aveva un ruolo predominante all’interno di un sodalizio criminale, dedito alla vendita al minuto di cocaina in vari comuni della brianza lecchese fra cui Garbagnate Monastero, Molteno e Dolzago.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il futuro dell'ex "Larius"? Guarda a Oriente: a Lecco apre Nima

Attualità

I 10 luoghi simbolo di Lecco più amati dai visitatori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento