Risolti i disservizi idrici a Vendrogno, il problema era dovuto a fori e allacci abusivi

Pronto intervento di Lario Reti Holding per mettere fine ai mancati rifornimenti d'acqua e ai disagi. Perdite fino a un litro al secondo. Ora scatteranno le denunce

L'allaccio non autorizzato in zona Inesio, principale causa dei disservizi all'abitato.

Risolti i disservizi idrici a Vendrogno. Il disagio era dovuto allo spostamento non consentito di alcune valvole di regolamentazione delle tubature dell’acqua e alla presenza di allacci non autorizzati che provocavano consistenti perdite. Per fare luce sull'accaduto e sanzionare i responsabili verranno ora sporte le opportune denunce.

È quanto emerge da una serie di controlli svolti da parte di Lario reti Holding, intervenuta prontamente nel Comune Valsassinese per porre rimedio ad alcune gravi carenze idriche, risolvendo in particolare la mancanza d’acqua nelle località Inesio e Comasira. «Le cause sono state riscontrate durante un’approfondita ricerca svolta a seguito delle numerose segnalazioni arrivate dagli abitanti e dal sindaco Cesare Galli - fa sapere la società lecchese - Le indagini sul campo hanno portato alla luce recenti spostamenti delle valvole di apertura o chiusura di organi di manovra rispetto a quanto lasciato dagli operatori di Lario Reti Holding, già al lavoro sul territorio comunale per la razionalizzazione e la mappatura di una rete di acquedotto estremamente complessa, che conta oltre 26 chilometri di tubazioni, 40 sorgenti e 30 serbatoi al servizio di circa 300 abitanti».

Ordinanza a Olginate per limitare l'utilizzo dell'acqua

Durante le verifiche e i lavori svolti per risolvere il disservizio sono emerse anche alcune "sgradevoli" sorprese. «Durante le ricerche sono stati inoltre rilevati alcuni allacci ad utenze non autorizzate, in particolare a monte della frazione Comasira, dove si è riscontrata la presenza di un foro aperto sulla tubazione e funzionale a un allaccio provvisorio, nonché di una seconda presa abusiva, al momento non utilizzata - fa inoltre sapere la società che gestisce il servizio idrico integrato in provincia di Lecco - In località Inesio si è invece riscontrato un allaccio non autorizzato e mal realizzato, causa di una ingente fuoriuscita di acqua, stimabile in un litro al secondo e responsabile dello svuotamento del serbatoio. Ripristinate tali situazioni, il serbatoio di Inesio si è prontamente riempito, ed il servizio è stato regolarmente riattivato in tutto il territorio comunale».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al termine delle ispezioni e dei lavori di ripristino, Lario Reti Holding ha informato la Prefettura di Lecco in merito agli abusi ed è in contatto con gli organi competenti al fine di sporgere le denunce necessarie. Inoltre, con l’obiettivo di monitorare ulteriormente e costantemente la situazione e scoraggiare ulteriori allacci non autorizzati, Lario Reti Holding ha provveduto all’installazione di misuratori di portata di controllo in punti chiave della rete.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Estate in arrivo, come allontanare le formiche da casa utilizzando rimedi naturali

  • Incidente di via Papa Giovanni: morta la 19enne sbalzata da un'automobile

  • Aggressione in Piazza XX Settembre: volano le sedie, un ferito

  • Giovane investita in via Papa Giovanni: il colpevole fugge ma viene rintracciato, la 19enne finisce in ospedale

  • Transumanza da record a Lecco: atteso sabato il passaggio di 3.200 pecore

  • Il ricordo di Chiara in via Papa Giovanni: «Sarai sempre nei nostri cuori»

Torna su
LeccoToday è in caricamento