menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ballabio, arriva il progetto per valorizzare l'area archeologica

La proposta da una ricercatrice della Sovrintendenza ai beni culturali

Una iniziativa per valorizzare il sito archeologico di Ballabio: è questo il progetto illustrato dal Sindaco Alessandra Consonni durante la seduta del Consiglio comunale che si è tenuta nella serata di ieri 28 settembre.

La proposta è arrivata dall'archeologa Cristina Longhi della Sovrintendenza beni archeologici della Regione Lombardia: «La dottoressa Longhi - ha riferito Consonni - mi ha messo a parte della intenzione di valorizzare la portata del sito archeologico di Ballabio, dove, in passato, vennero portati alla luce reperti risalenti all'età del Bronzo e a epoche successive. Si tratta di testimonianze di particolare valore oggi esposte nel museo di Palazzo Belgioioso a Lecco, che inducono a ritenere del tutto plausibile la sussistenza di un consistente insediamento di interesse archeologico nel comune di Ballabio. Queste ricerche sono, attualmente, condizionate dalla possibilità di reperire i fondi necessari. Allo scopo sono in corso contatti con enti e associazioni filantropiche».

«Nel frattempo - ha aggiunto - è stata prospettata al Comune l'opportunità di allestire in loco un sistema di documentazione sul sito archeologico e sui passati ritrovamenti e sul suo contesto storico-geografico. Il tutto tramite la realizzazione di un pannello turistico, che consentirà un "accesso virtuale" nei pressi dell'area di interesse archeologico, tramite l'utilizzo delle più moderne e sofisticate tecnologie informatiche».

«Per completezza - ha concluso il Sindaco - preciso che il sito archeologico è stato individuato nella zona a poca distanza dall'inizio della ciclopedonale. Da subito questa amministrazione si è messa a disposizione completa della ricercatrice, garantendole il massimo sostegno e l'agevolazione in ogni necessità tecnica relativa a progetti, studi e ricerche in atto».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento