Cronaca

Banconote rare che valgono centinaia di euro, ecco come riconoscerle

Difetti di stampa, errori di taglio e tirature limitate: ecco dove guardare

Tirature limitate, errori grafici, difetti: sono questi, in molti casi, i fattori che rendono rara una banconota e che, quindi, ne aumentano il valore, a volte anche decuplicandolo.

Si tratta di banconote all'apparenza comunissime, ma che, guardate con occhio attento, possono presentare quelle particolarità che le identificano come pezzi rari e da collezione. A dare tre esempi di banconote rare è Libero, che prende in esame banconote da 5, 50 e 100 euro.

Nel caso dei 50 euro, alcuni pezzi in circolazione hanno un errore impresso sul filo di sicurezza: osservata in controluce, la filigrana reca la scritta "100 euro" (e non quella "50 euro"). A causa dell'errore, le banconote sono state ritirate, ma alcune sono rimaste  in circolazione. Il loro valore è di circa 350 euro. 

Anche le banconote da 100 euro possono valerne il triplo: quelle che presentano errore di taglio sono diverse e molto ambite dai collezionisti, e il loro valore reale oscilla tra i 300 e i 350 euro.

Ci sono infine banconote da 5 euro con numeri di serie particolarmente rari, che possono raggiungere anche i 100 euro di valore: per riconoscerle bisogna osservare il loro numero di serie, composto da una lettera che identifica il Paese di emissione (per l'Italia è la S) da una serie di numeri. I pezzi più rari sono quelli che riportano numeri di serie con 5 o più cifre consecutive uguali, quelli con numeri "radar" (ovvero il cui numero risulta uguale sia letto da destra a sinistra, sia da sinistra a destra), o quelli con il numero composto solo da 3 cifre, per esempio solo da 0, 1 e 2).

Per conservare il loro valore, tutte le banconote rare devono essere in perfette condizioni, stato di conservazione chiamato "Fior di stampa" dai collezionisti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Banconote rare che valgono centinaia di euro, ecco come riconoscerle

LeccoToday è in caricamento