Cronaca Viale Giacomo Brodolini

Barbecue "selvaggio" a Rivabella: in Comune non c'è un regolamento, ma...

Il bel tempo del weekend ha portato tante persone sulle sponde del lago, spesso "armate" di griglia. La polizia non interviene, a Palazzo Bovara se ne discuterà, ma La Regione aveva già posto il suo divieto

Una foto scattata nel weekend appena passato a Rivabella

Valmadrera e non solo. Con l'arrivo e il perdurare del bel tempo, almeno fino a questa settimana, le sponde del lago di Lecco sono state letteralmente prese d'assalto da locali e turisti, che, "armati" di griglia, si sono posizionati nelle zone verdi e hanno pasteggiato a due passi dallo specchio lacustre.

Sollecitati da più di un cittadino, gli agenti della polizia locale hanno risposto che, almeno nel caso del Comune di Lecco, non esiste un apposito regolamento sulla questione. La Regione, sulla base delle previsioni meteo, ha emesso un avviso di criticità domenica mattina, vietando "di accendere fuochi nei boschi o a distanza da questi inferiore a 100 metri, far brillare mine, usare apparecchi a fiamma o elettrici per tagliare metalli, motori, fornelli o inceneritori che producano braci o faville, gettare mozziconi accesi al suolo e compiere ogni operazione che possa creare pericolo di incendio."

In ogni caso, a Palazzo Bovara, sede del comune capoluogo di provincia, se ne dovrebbe discutere in settimana, magari già durante il Consiglio Comunale di giovedì.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Barbecue "selvaggio" a Rivabella: in Comune non c'è un regolamento, ma...

LeccoToday è in caricamento