In stazione armato di bastoni e sanpietrini, viene fermato dai poliziotti e li aggredisce: arrestato pregiudicato

L'uomo era già conosciuto alle forze dell'ordine, perchè a inizio mese era stato beccato mentre cercava di spaccare un bancomat con delle pietre

Foto di repertorio

E' stato nuovamente arrestato E.C., 30enne nigeriano, con numerosi precedenti di polizia a suo carico (era stato, tra l’altro, recentemente arrestato a Lecco dalla Polizia di Stato primo marzo per aver tentato di danneggiare il bancomat in stazione con delle pietre).

Nel pomeriggio di lunedì 26 marzo gli agenti della Squadra Voltante della Polizia di Stato sono intervenuti in piazza Lega Lombarda, a Lecco, in quanto era stata segnalata da alcuni passanti la presenza di un soggetto straniero che, con atteggiamento aggressivo, stava procedendo in direzione della stazione ferroviaria tenendo in una mano due bastoni e nell’altra due "sanpietrini" (i tipici cubetti di porfido che sono installati in varie strade lecchesi e non).

Sul posto si sono portati gli agenti della Volante, che hanno intercettato subito il soggetto molesto e, con l"ausilio di altri due equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine Lombardia presenti sul territorio, hanno provveduto a circondarlo, intimandogli allo stesso di appoggiare a terra i bastoni e le pietre. Inizialmente l’uomo si è dimostrato poco collaborativo con i poliziotti, ma poi si è arresto, posando a terra gli oggetti.

Il precedente | Prova a spaccare un bancomat con le pietre: arrestato

Durante il controllo di polizia, improvvisamente il soggetto si è ribellato nuovamente, inveendo contro i poliziotti stessi. Lo straniero è stato quindi accompagnato in Questura per accertamenti, dove ha continuato a tenere un atteggiamento estremamente aggressivo nei confronti dei poliziotti, insultandoli e minacciandoli di morte. Nella circostanza, tentando di colpire a testate chiunque gli si avvicinasse, è riuscito anche a mordere la mano di un poliziotto. Nella colluttazione due agenti hanno subito lesioni giudicate guaribili rispettivamente in cinque e sette giorni. Nella tasca della giacca il soggetto aveva occultato anche un grande paio di forbici in metallo. L'uomo è stato tratto in arresto per il reato di resistenza a Pubblico Ufficiale, nonché denunciato per possesso ingiustificato di oggetti atti ad offendere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella giornata odierna l’arresto è stato convalidato presso il Tribunale di Lecco, sono stati richiesti dal legale i termini a difesa ed è stata disposta a carico del reo la misura della custodia cautelare in carcere, in attesa di giudizio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Viveva legata a un calorifero: le guardie ecozoofile salvano il pitbull Maya

  • Covid-19, la Asst Lecco fa chiarezza: al momento terapie intensive vuote

  • Covid-19, nuova ordinanza regionale: nuove regole per bar e ristoranti, "stop" alle competizioni dilettantistiche da contatto

  • Il governatore Fontana firma l'ordinanza: stop a movida e allo sport dilettantistico

  • Covid-19, i numeri del "Manzoni": occupato l'ottanta per cento dei posti nei reparti ad-hoc. Piena la terapia intensiva

  • Offerte di lavoro, Sport Specialist assume personale nel Lecchese: come candidarsi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento