Cronaca

Bione, a pochi mesi da Expo la ciclabile invasa dai rifiuti

Avevamo già documentato la situazione nel febbraio 2014: tra sacchetti e bottiglie di plastica, la situazione non è cambiata. I nostri lettori si chiedono: siamo davvero pronti ad accogliere i turisti?

Il Bione come si presenta oggi

A pochi mesi dall'apertura di Expo 2015, alcuni angolo della città di Lecco si presentano in condizioni di inaccettabile degrado. Tra strade male asfaltate e buche - basta fare due passi in viale Adamello per rendersene conto - il Nameless festival, possibile polo attrattivo per centinaia di giovani spostato a Barzio, a suscitare il disappunto dei cittadini è anche lo stato in cui versa la pista ciclabile in zona Bione, frequentata nel fine settimana non solo dai lecchesi, ma anche da persone provenienti dal circondario.

Lo spettacolo che si presenta ai loro occhi è a dir poco sgradevole. Tra bottiglie abbandonate sulle rive, cattivi odori e spazzatura di ogni genere, non è una certo un bel biglietto da visita quello che Lecco offrirà ai possibili visitatori attratti in città da Expo.

Già lo scorso anno, nel mese di febbraio, avevamo documentato la situazione della ciclabile, che si presentava in condizioni analoghe a quelle di oggi. Allora scrivevamo che ad Expo mancava un anno, oggi mancano solo pochi mesi è la situazione non è cambiata, come testimoniano le foto inviateci dai nostri lettori. Siamo davvero pronti, in queste condizioni, ad accogliere i turisti da tutto il mondo? Lasciamo al lettore ogni commento.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bione, a pochi mesi da Expo la ciclabile invasa dai rifiuti

LeccoToday è in caricamento