menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Caso scabbia e lavori socialmente utili, in Consiglio comunale si discute sui migranti

Dalle opposizioni "dubbi" sulla gestione del campo del Bione, e la richiesta di aprire un tavolo istituzionale per dare loro attività da svolgere

Continua a far discutere la questione dell'accoglienza ai richiedenti asilo ospiti a Lecco da questa estate, e il tema è tornato alla ribalta anche durante la seduta del Consiglio comunale che si è svolta ieri 28 settembre.

A riaprire il dibattito, la Lega nord, che ha voluto delucidazioni in particolare sui casi si scabbia che si sono verificati fra gli ospiti del campo allestito al Bione: cinque casi, ha ricordato il Vicesindaco Bonacina, trattati e guariti in poco tempo grazie alla procedura attuata dal personale della cooperativa.

I casi non si sarebbero verificati ad agosto, subito dopo l'arrivo dei primi ospiti, bensì a settembre. L'aspetto più grave dell'episodio, però, secondo il gruppo del Carroccio, sarebbe stata la mancanza di informazioni alla cittadinanza e al Comune stesso da parte di chi gestisce il campo, fatto confermato dallo stesso Primo cittadino. Il gruppo leghista ha dunque espresso la propria preoccupazione in merito, trattandosi di una malattia non grave ma contagiosa.

Sul tavolo anche la possibilità di far svolgere o meno dei lavori socialmente utili agli ospiti delle strutture di accoglienza: a chiederlo i Consigliere Boscagli del Nuovo Centrodestra, che ha ribadito la proposta di aprire un tavolo istituzionale con Prefettura, cooperative, insegnanti e società sportive per trovare un accordo e superare le difficoltà burocratiche determinate dal fatto che i richiedenti asilo non hanno documenti.

E proprio con la Prefettura, il dialogo in questo senso è già avviato: il Vicesindaco ha infatti spiegato come sia già avviato un confronto con i Comuni del territorio per mettere a punto un piano che permetta di "spalmare" l'accogleinza dei migranti sul territorio provinciale, e per capire come far sì che possano effettivamente svolgere lavori di pubblica utilità o di volontariato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

Attualità

Cos'è il lasciapassare per uscire dalla Lombardia e spostarsi tra regioni

Attualità

Le 10 meraviglie architettoniche da scoprire nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento