rotate-mobile
Mercoledì, 17 Agosto 2022
Cronaca

In manette i pusher del "bosco della droga", affari con clienti da Monza e province limitrofe

La fiorente attività di spaccio fruttava 7mila euro al giorno, il doppio nei week-end

La piazza di spaccio, "una delle più vivaci di Milano", era in un boschetto di Mecenate, tra l'aereoporto di Linate e la tangenziale Est, che porta in Brianza. I pusher, seduti tra l'erba, convinti di non essere notati, incontravano i clienti e - lì - concludevano gli affari.

Il "boschetto della droga" - però - è finito nel mirino della Polizia di Stato che, in conclusione di un'operazione curata nei minimi dettagli, li ha fermati (dopo un breve inseguimento) ed arrestati.

In manette 4 marocchini - tutti uomini, tra i 22 e i 39 anni - la cui fiorente attività di spaccio fruttava 7mila euro al giorno e nel week-end oltre il doppio.

L'organizzazione, come riporta MonzaToday, era molto semplice, ma perfettamente funzionante: i pusher, tutti i giorni dalle 18:30, entravano da via Vittorini e attendevano i clienti, che giungevano dal lato opposto; il tutto sotto il controllo di alcune vedette.

I clienti, tanti provenienti dalla Brianza (anche lecchese), gli erano "fedeli" in quanto nota l'ottima qualità della cocaina spacciata dal gruppo; molti sono stati segnalati alla Prefettura quali assuntori di sostanze stupefacenti.

Il video di MonzaToday.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In manette i pusher del "bosco della droga", affari con clienti da Monza e province limitrofe

LeccoToday è in caricamento