Giovedì, 24 Giugno 2021
Cronaca

Bracconieri senza pietà uccidono quattro caprioli. Scattano le denunce

Due episodi in Valtellina a distanza di pochi giorni: la Polizia Provinciale di Sondrio individua i responsabili. Utilizzati lacci, fucili e munizioni spezzate

(Foto di repertorio)

Bracconieri senza pietà in Valtellina. La scorsa settimana gli agenti del Corpo di Polizia Provinciale di Sondrio hanno portato a termine due operazioni che hanno permesso, in due distinti episodi, di individuare gli autori di atti di bracconaggio perpetrati a carico di ungulati.

Il primo in località "Fochin", nel comune di Valdidentro, dove sono stati rinvenuti due caprioli imprigionati nei lacci; un animale era già morto mentre per il secondo, purtroppo, si è resa necessaria la soppressione a seguito dei gravi traumi riportati nel tentativo di liberarsi. Gli agenti, con appostamenti nella zona, sono riusciti a individuare il responsabile di almeno un'uccisione: si tratta di un uomo di 84 anni già noto alle forze dell'ordine per episodi analoghi. 

Peste suina africana, attenzione massima nel Lecchese

A seguito di perquisizione domiciliare autorizzata dal magistrato, nell'abitazione dell'indagato è stata accertata la macellazione di un capriolo, presumibilmente quello che gli agenti avevano rinvenuto morto e lasciato sul posto, più altri lacci costituiti da cordina metallica con il nodo scorsoio pronti per essere impiegati. L'anziano è stato così denunciato per esercizio della caccia con mezzi vietati, furto aggravato in danno del patrimonio indisponibile dello Stato e maltrattamento di animali, reati per i quali è prevista in tutto una pena fino a quattro anni e mezzo e una multa oltre 30mila euro.

Cane sgozzato, l'onorevole Brambilla: «Punire i responsabili»

Il secondo episodio è stato accertato il 9 dicembre in località "Vigne della Sassella" a Sondrio. Gli agenti hanno sorpreso un uomo, poi allontanatosi, mentre abbatteva a fucilate una femmina di capriolo, rinvenendo poco lontano un altro esemplare maschio già abbattuto. L'uomo, un 62enne residente nella frazione di Triasso, è tornato sul posto dopo circa un paio d'ore: gli agenti di Polizia provinciale lo hanno identificato come cacciatore abilitato per lepre e selvaggina migratoria. 

In virtù del fatto che ha abbattuto ungulati senza permesso, e durante la stagione venatoria già chiusa impiegando tra l'altro munizioni spezzate vietate, l'autore del crimine è stato denunciato per abbattimento e cattura di esemplari di tipica fauna stanziale alpina (capriolo) della quale è vietato l'abbattimento ed esercizio della caccia con mezzi vietati. Per lui potrebbe scattare un'ammenda complessivia di 4.647 euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bracconieri senza pietà uccidono quattro caprioli. Scattano le denunce

LeccoToday è in caricamento