Giovedì, 5 Agosto 2021
Cronaca

Carabinieri di Brivio aggrediti da coppia di fidanzati. Il sindaco: «Occorre legge che consenta loro di difendersi»

Il fattaccio nella tarda serata di mercoledì: ventenni marocchini litigano, chiamano i militari e durante il controllo diventano violenti. Airoldi: «Solidarietà al maresciallo e suoi uomini»

Fa ancora discutere il fatto di cronaca avvenuto mercoledì sera ad Airuno. Una coppia di fidanzati ventenni, di origine marocchina, ha aggredito i carabinieri durante un controllo alla stazione ferroviaria. A farne le spese due militari in servizio alla vicina caserma di Brivio, finiti al pronto soccorso a causa delle ferite riportate.

Gli uomini dell'Arma sono stati inizialmente contattati proprio dalla giovane a causa di un litigio con il fidanzato, risultato all'accertamento sprovvisto di permesso di soggiorno. Il ragazzo è così scappato, e appena si è resa conto della gravità della situazione, anche la ventenne si è scagliata, a suon di calci di pugni, contro i Carabinieri partiti all'inseguimento. La colluttazione si è conclusa sui binari della stazione, con l'arresto della coppia per resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale.

Poliziotto aggredito, in carcere gli aggressori

Sul vile episodio di violenza si è registrato l'intervento del sindaco di Brivio Federico Airoldi, attraverso un messaggio di solidarietà postato sulla propria pagina Facebook.

«A titolo personale e in qualità di sindaco - scrivea Airoldi - a nome della Giunta e dell'intero Consiglio comunale esprimo solidarietà e vicinanza al Comandante della Stazione Carabinieri di Brivio maresciallo Vincenzo Valenza e ai suoi uomini, colpiti dall'ennesimo episodio di violenza. Occorre quanto prima un'iniziativa di Legge che metta le forze dell'ordine in condizione di tutelare la propria e l'altrui sicurezza senza il patema d'animo d'essere perseguiti per aver fatto il proprio dovere».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carabinieri di Brivio aggrediti da coppia di fidanzati. Il sindaco: «Occorre legge che consenta loro di difendersi»

LeccoToday è in caricamento