menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Difende il figlio bullizzato dal branco: picchiato il papà di un giovane brianzolo

L'uomo è stato ricoverato all'ospedale "Sant'Anna" di Como con delle ferite al volto

Ha provato a difendere il figlio ventenne, bullizzato ormai da tempo da un branco di giovani che nell'ultimo periodo stanno agitando il Meratese, Dolzago in particolare, con i loro atteggiamenti intimidatori, ricevendo in cambio un pugno in pieno volto. A farne le spese, in ultimo, è stato Domenico Manzoni, 53enne residente a Colle Brianza, picchiato e mandato all'ospedale "Sant'Anna" di Como con varie fratture al volto. Il tutto perchè ha avuto l'ardire di prendere le difese del giovane figlio, vessato dai coetanei.

Sulla vicenda, raccontata da Federico Berni e Anna Campaniello per il Corriere, indagano i carabinieri, in attesa di ricevere la denuncia per quanto accaduto nella serata del 3 novembre. Le circostanze del pestaggio sarebbero da ricondurre anche alla rivalità fra due gruppi di giovani appartenenti ai due diversi paesi della provincia di Lecco.

Confronto tra i genitori, poi il pestaggio

Appurati i continui atti intimidatori nei confronti del figlio, Manzoni ha deciso di confrontarsi con il genitore di uno dei bulli: accesa, ma limitata alle parole, la discussione tra i due; il problema è stato che ha avuto un seguito: salito a bordo della sua macchina, il residente a Colle si è accorto di avere tre autovetture in arrivo nella sua direzione, da cui sarebbero scese circa quindici persone, evidentemente malitenzionate. Con lui c'era il giovane figlio, che ha avuto il tempo di chiamare le forze dell'ordine prima di assistere alla barbara aggressione nei confronti del padre.

«Lasciatemi stare, vi prego»: la richiesta esasperata di una vittima di bullismo

Gravi lesioni

Il 53enne, condotto al "Mandic" di Merate, è stato poi portato al "Sant'Anna" di Como: gli specialisti hanno riscontrato la rottura di naso e zigomo, unito a due denti rotti. Non è stato sottoposto all'intervento chirurgico, ma servirà del tempo per guarire le ferite.

Spaccio e bullismo: la Polizia crea "YouPol", l'applicazione per segnalare in tempo reale

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento