menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La calopsita Aria è tornata a casa

La calopsita Aria è tornata a casa

"Stregata" dal canto delle cocorite: ritrovata la calopsita Aria

Il volatile era scomparso, gettando nel panico la padroncina Ardesia. Un ragazzo di Calco l'ha rinvenuto insieme alle sue cocorite, ha visto l'appello sul web e l'ha riportato a casa

Tutti lo avevano sperato. Avevano sognato che la piccola Aria tornasse a casa dai propri padroni e da Ardesia, la bambina che l'ha allevata a mano con grande amore. La razionalità, invece, suggeriva che le chance fossero ben poche. Fortunatamente non è andata così, per una volta il naturale evolversi delle cose ha sorpreso tutti. In positivo.

Aria, bellissimo esemplare femmina di calopsita (un uccello della famiglia dei Cacatuidi, unica specie appartenente al genere Nymphicus) di circa un anno, è tornato a casa. L'uccellino, scomparso da giorni, si era assentato "stregato" dai canti di alcune cocorite di un ragazzo di Calco, perdendo poi l'orientamento. Federica Tripicchio, padrona di Aria, in serata ci ha fornito la bella notizia, spiegando l'accaduto.

Ritrovata la cagnolina Pritty

«È entrata in casa di un ragazzo di calco che ha delle cocorite, probabilmente attratta dai canti - sono state le sue parole - e lui, vedendola e avendo visto il post su Facebook, ha chiamato e ce l'ha portata a casa. Ardesia non sta nella pelle ringrazia uno a uno tutti quelli che si sono interessati».

La bambina ha ritrovato il suo animale domestico. La paura è passata. Aria, allevata in cattività, non avrebbe avuto chance di sopravvivenza se non fosse stata ritrovata, in quanto impossibilitata a procacciarsi il cibo da sola.

Gatto Sweety, "scampagnata" da Abbadia a Lecco

L'appello lanciato sui social, cui ha contribuito anche la redazione di Lecco Today, ha funzionato, come accaduto più volte in passato. Ritrovare un animale scomparso, grazie al tam-tam del web, è possibile; bastano un po' di buona volontà e amore verso il prossimo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento