menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Calolzio, secondo giorno di protesta per il padre incatenato fuori da scuola

Veronica Tentori (Pd): "Vicina alla famiglia, ma responsabile è riforma Gelmini"

Prosegue la protesta di Elio Canino, il papà che ieri 14 settembre si è incatenato alla recinzione della scuola elementare del Pascolo, a Calolzio, come forma di protesta per la mancata assegnazione, fino a ieri mattina, di una insegnante di sostegno per la figlia, affetta dalla sindrome di Down.

Anche oggi, infatti, Canino ha trascorso la giornata incatenato alla recinzione della scuola primaria calolziese, spiegando che ha deciso di proseguire la sua protesta nonostante la scuola abbia potuto nominare già ieri la docente che seguirà la bambina, «per tutti i bambini che si trovano nelle stesse condizioni di mia figlia. L'insegnante è stata nominata solo per quest'anno, e il prossimo settembre saremo di nuovo da capo».

Una battaglia che l'uomo intende combattere contro il Governo Renzi e la riforma della "Buona scuola", come dimostrano gli striscioni appesi alla recinzione della scuola del Pascolo, e per la quale ha trovato l'appoggio dei parlamentari calolziesi Paolo Arrigoni (Ln) e Michela Vittoria Brambilla (FI), che hanno promesso interrogazioni parlamentari sulla questione. Lo stesso Matteo Salvini, ieri, ha parlato del problema dalla sua pagina Facebook.

Non ci sta, però, la deputata Veronica Tentori (Pd), a sentir scaricare la resposnabilità del problema sulla riforma: «Le difficoltà legate all'insegnamento di sostegno, al precariato scolastico e alla mancanza di continuità didattica sono temi che il Partito Democratico ha sempre denunciato perché da anni sono presenti - scrive la parlamentare sulla sua pagina social - La loro origine infatti ha un nome e un cognome: Mariastella Gelmini».

«Esprimo vicinanza alla famiglia e a tutti i cittadini e i bambini che purtroppo si trovano di fronte a situazioni incresciose di questo tipo - afferma Tentori - Non possiamo peró limitarci a versare lacrime di coccodrillo come ho visto fare in questi giorni ad alcuni esponenti di partiti quali Lega e Forza Italia che quella riforma di tagli alla scuola e umiliazioni al corpo docente l'hanno sostenuta e votata».

Inevitabile dunque chiedersi se davvero la "Buona scuola" sia responsabile della situazione: «Sicuramente la riforma ha allungato le tempistiche - ci hanno risposto dall'Istituto comprensivo di Calolzio, che gestisce anche la primaria del Pascolo - ma è una situazione inevitabile con le cattedre vacanti: paradossalmente la riforma ci avrebbe aiutati, perché ha immesso in ruolo nuovi insegnanti, anche di sostegno. Il problema è che nessuno ha scelto questo plesso, il posto è rimasto vacante e l'Istituto è stato costretto a ricorrere di nuovo alle nomine temporanee».

elio canino incatenato striscioni-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il futuro dell'ex "Larius"? Guarda a Oriente: a Lecco apre Nima

Attualità

Lecco: lunedì 10 aprono le prenotazioni dei vaccini per la fascia 50-59 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento