rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Cronaca Calolziocorte

Calolzio piange Pietro Augruso, morto nello schianto in moto mentre andava al lavoro

Il giovane, 26 anni, era stato animatore in oratorio e aveva militato nelle giovanili della Carpe Diem Basket. L'incidente lungo la provinciale che collega Torre De' Busi con Caprino

Si chiamava Pietro Augruso, abitava a Calolziocorte ed era diretto al lavoro nella Bergamasca il giovane morto nel tragico incidente in moto avvenuto questa mattina alle 7.30 a Torre De’ Busi. Augruso, 26 anni, stava viaggiando in sella alla sua Ducati Monster  quando all’improvviso, per cause ancora al vaglio di Polizia Stradale e Carabinieri giunti sul posto, si è scontrato in via San Michele sulla Provinciale 177 diretta a Caprino, con una Fiat Panda proveniente dalla direzione opposta, andando poi a sbattere contro il muro e contro un’altra macchina. Immediato l’intervento dei  Volontari del Soccorso di Calolzio e dell’elisoccorso, ma purtroppo per il giovane centauro non c’è stato più nulla da fare.

L'incidente lungo la Provinciale a Torre De' Busi, vani i soccorsi

Augruso abitava in via Pertus, in località Moioli, al confine tra le frazioni di Rossino e Lorentino e lavorava come impiegato in una ditta di Mapello. Tantissime in queste ore le attestazioni di cordoglio rivolte ai famigliari del ragazzo, a partire dal papà ferroviere Antonio e da mamma Letizia, impiegata in Tribunale a Lecco. Appassionato di animali, di sport e soprattutto di moto e di basket, Pietro era molto conosciuto e stimato nel Calolziese dove gli amici lo ricordano come un ragazzo socievole, sorridente e pieno di interessi. Aveva anche militato alcuni anni nelle giovanili della Carpe Diem Calolzio di Pallacanestro e successivamente in Prima Divisione.  

«Pietro era stato animatore nel nostro oratorio, in particolare durante il Cre estivo, e aveva frequentato la scuola Caterina Cittadini di piazza Regazzoni - ricorda don Matteo Bartoli, coadiutore della parrocchia del centro città - Era una ragazzo molto attivo, pieno di interessi, e soprattutto credeva nel valore dell’amicizia. Ci uniamo al dolore dei famigliari in questo momento terribile». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calolzio piange Pietro Augruso, morto nello schianto in moto mentre andava al lavoro

LeccoToday è in caricamento