Il maxischermo di Calolzio ancora nel mirino dei vandali: tagliati i cavi

Dopo i danni ai pannelli video questa volta è toccato a fili elettrici e rete. La condanna del sindaco Ghezzi: «Purtroppo aumentano in città gli episodi di questo tipo e con essi i costi per la collettività. Cercheremo di individuare i responsabili anche con le telecamere»

Il maxischermo di piazza Vittorio Veneto oggi spento a causa ripetuti vandalismi.

Nuovo vandalismo ai danni del maxischermo di piazza Vittorio Veneto a Calolzio. Nei giorni scorsi alcuni ignoti hanno tagliato i cavi elettrici di alimentazione e danneggiato la rete dell'impianto. Se ne sono accorti tecnici e amministratori comunali, già impegnati a quantificare i danni del precedente blitz messo in atto la notte di Halloween quando erano stati colpiti e "mandati a nero" alcuni pannelli del video.

Parchetto nel mirino dei vandali a Calolzio, imbrattati i giochi dei bambini

Questa mattina il sindaco Marco Ghezzi ha segnalato l'episodio ai carabinieri che ora, in collaborazione con la Polizia locale, cercheranno di individuare i responsabili. Intanto il maxischermo è spento (vedi foto scattata oggi).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«La speranza è che le telecemere presenti in centro città abbiano ripreso i responsabili - commenta Ghezzi condannando l'accaduto - Questa volta i vandali hanno tagliato di netto i cavi, tra l'altro si tratta di fili abbastanza consistenti, sembra quasi un sabotaggio. Si tratta di un episodio grave, anche perchè non è il primo che si verifica in città. Dai parchi ai cartelli stradali passando per il maxishermo, purtroppo si ripetono i danneggiamenti contro gli arredi pubblici. Tra l'altro non è facile tenere tutto sotto controllo. Le colonnine del bookcrossing sono state messe in sicurezza grazie alle strutture d'acciaio collocate dai volontari Act, ma per il resto la situazione è preoccupante e sempre a rischio. Intanto i costi per la sistemazione iniziano a diventare consistenti e ricadono su tutta la collettività. Se i colpevoli verranno individuati metteremo in atto tutte le azioni legali necessarie per ottenere i risarcimenti - conclude il primo cittadino - Se dovesse trattarsi di minori proporremo lavori socialmente utili per farli rimediare a quanto fatto».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un lockdown "morbido" tra dieci giorni e l'ipotesi coprifuoco alle 21 in tutta Italia

  • Oggiono: incidente in via per Molteno, giovane finisce in ospedale in gravi condizioni

  • Nuovo Dpcm: stop anticipato a ristoranti-bar, no al divieto di circolazione

  • Coronavirus, il punto: oltre cento tamponi positivi, nel Lecchese superata quota quattromila. "Manzoni": tre posti liberi nei reparti

  • Ordinanza regionale sotto accusa, Gattinoni: «Ci era stata consegnata una bozza diversa per la Dad»

  • Ospedale di Lecco, «in caso di necessità pronti ad accogliere 200 pazienti covid»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento