menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Peppino Ciresa, presidente di Confcommercio Lecco

Peppino Ciresa, presidente di Confcommercio Lecco

Calolzio, Confcommercio dice no all'apertura di nuovi esercizi commerciali

Ciresa e Valsecchi: "Perplessità sul rilascio delle autorizzazioni"

Sono numerose le critiche avanzate da Confcommercio Lecco in relazione ai criteri e alle norme sul procedimento per il rilascio di autorizzazioni per le medie strutture di vendita, ovvero esercizi commerciali, da parte del Comune di Calolziocorte.

"Siamo fortemente preoccupati rispetto ai contenuti e alle prospettive che emergono da questo documento che l'Amministrazione comunale di Calolzio ci ha sottoposto. A distanza di alcuni anni, tra l'altro, ci ritroviamo a dover analizzare un documento tecnico che, a prima vista, sembra avere più la necessità di 'preparare' il terreno a nuove aperture di medie strutture, piuttosto che fotografare la situazione e valutare il reale e necessario adeguamento urbanistico del settore. Adeguamento che per noi dovrebbe essere di natura restrittiva - spiega Peppino Ciresa, presidente di Confcommercio Lecco - Come per il precedente documento, che risale al dicembre 2010, manca in assoluto la redazione di Piano del commercio che fotografi puntualmente e renda visibile un quadro conoscitivo completo della componente commerciale comunale. L'Amministrazione comunale non ha ritenuto opportuno realizzarlo e questo è un fatto grave che condiziona pesantemente la nostra valutazione".

"Da anni - prosegue Ciresa - a livello provinciale, ci giungono dati che confermano un sistema con gravissime difficoltà, senza particolari effervescenze o situazioni positive che possano modificare il rapporto tra domanda e offerta sul territorio. E il documento del Comune di Calolzio, mancando di un reale studio, di fatto formula solo ipotesi teoriche e alquanto fantasiose".

Così anche il presidente della zona Valle San Martino di Confcommercio, Cristina Valsecchi, è concorde alle preoccupazioni di Ciresa: "Il documento in alcuni casi sfiora il ridicolo e, di fatto, apre una vera e propria liberalizzazione selvaggia e indiscriminata che rischia di fare molto male ad un tessuto commerciale che già fa fatica, come dimostra anche la recente chiusura di quattro realtà commerciali in centro città. Per non parlare della scelta di dare spazio alle monetizzazioni di aree a parcheggio o delle possibili deroghe alla pianificazione comunale per future aree commerciali. Leggere poi che le 'relazioni socio-economiche delle ricadute sul sistema commerciale locale' e gli 'accertamenti del livello di attrazione dei nuovi punti vendit' saranno, di fatto, affidati unicamente alle singole società che faranno domanda per l'insediamento delle medie strutture, anche se previsto dalla legge, sa tanto di presa in giro!".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento