Annone Brianza: dopo lo stop, pronti a ripartire i lavori sul ponte crollato

Per venti giorni il cantiere è stato fermato dagli artificieri, che hanno dovuto verificare l'assenza di ordigni risalenti al periodo bellico

A partire dalla prossima settimana, torneranno a lavorare gli operai impegnati all'interno del cantiere posto sulla Strada Provinciale 49, resa monca dal crollo del cavalcavia che, nell'ottobre 2016, uccise il civatese Claudio Bertini.

Cavalcavia crolla sulla Statale 36: un morto e cinque feriti | FOTO

Il cantiere, infatti, è fermo da venti giorni: colpa di un certificato, arrivato in questi giorni, firmato da ingegneri e genieri dell'esercito, chiamati ad attestare l'assenza di residuati bellici nella zona della preesistente struttura. Una lungaggine burocratica, obbligatoria, che dovrebbe essere recuperata in corso d'opera dall'azienda appaltatrice.

Annone Brianza: partono i lavori per ricostruire il cavalcavia crollato

La struttura, che sarà composta da un'unica campata di 44 metri in acciaio, verrà costruita dalla C.O.E.ST. (Costruzioni e Strade) Srl di Potenza, azienda che si è aggiudicata l'appalto da circa due milioni di euro. Per tutta la durata del cantiere, gli automobilisti dovranno fare i conti con il limite di velocità abbassato a 50 km/h in tutto il tratto interessato dall'are del cantiere, con annesso divieto di sorpasso.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moregallo: ritrovato il corpo senza vita dell'arrampicatore Matteo Sponza

  • Regione Lombardia riconosce cinque nuove attività storiche in provincia di Lecco

  • Scomparso 32enne: ricerche in corso sul Monte Moregallo

  • Schianto in via Mazzini a Calolzio, motociclista soccorso d'urgenza

  • Incidenti sulla SS36 nella serata di domenica: coinvolte quattro persone

  • Statale 36: doppio incidente, traffico in tilt anche lungo la Provinciale 72

Torna su
LeccoToday è in caricamento