Cronaca

Capitano calolziese salva tre fratellini, di cui uno malato di leucemia, nel Mediterraneo

Riccardo Gatti e la sua nave della Ong spagnola ProActiva Open Arms hanno intercettato un barchino alla deriva: due ragazzi trasportavano il più piccolo in un viaggio della speranza

Riccardo Gatti intervistato via Skype dalla Rai

Una storia commovente. Un viaggio della speranza, mai così reale: dalla Libia su una piccola barca per salvare il fratellino malato di leucemia.

A salvare tre ragazzini in balia del Mar Mediterraneo è stato Riccardo Gatti, calolziese da anni capitano della nave della Ong spagnola ProActiva Open Arms, che nella notte tra sabato e domenica si è trovato di fronte alla toccante vicenda di Ahmed, Mohammed e il piccolo Allah, 13 anni.

«Una luce nella notte»

«Abbiamo visto una luce, dei segnali luminosi nella notte - ha raccontato Gatti intervistato dalla collega Perla Dipoppa del Tg1 - Ci siamo avvicinati e abbiamo trovato qeste tre persone a bordo. Abbiamo visto un ragazzino, ci è sembrato strano, era sdraiato e aveva una flebo».

Il servizio del Tg1

Allah, infatti, in patria ha appena ricevuto la terribile diagnosi, con nessuna possibilità di ricevere un trapianto di midollo o di essere sottoposto a terapie idonee. I due fratelli più grandi non si sono scoraggiati all'idea di perdere il loro caro, e hanno affrontato il pericolossimo viaggio della speranza verso l'Europa, attraversando il Mediterraneo su un natante di piccole dimensioni, sfidando le onde, il freddo e il buo.

La speranza può continuare

«Hanno acquistato il barchino - ha raccontato Gatti - Lo hanno riempito di bidoni di benzina e sono partiti nella speranza che qualcuno li salvasse». E a salvarli, dopo due giorni trascorsi alla deriva, è stata proprio la nave della Ong battente bandiera spagnola, che li ha ripescati per portarli ad Augusta, in Sicilia, dove la speranza di curare il piccolo Allah potrà continuare.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Capitano calolziese salva tre fratellini, di cui uno malato di leucemia, nel Mediterraneo

LeccoToday è in caricamento