Venerdì, 19 Luglio 2024
Cronaca

Aveva 300mila euro di debiti: il mistero del geometra scomparso

Proseguono le ricerche di Ivano Camarri, che dal 12 dicembre 2023 ha fatto perdere le proprie tracce al confine tra le province di Lecco e Sondrio. Aperte tutte le ipotesi: allontanamento, suicidio, omicidio

Un mistero sempre più fitto, che al momento non offre una possibile soluzione nonostante sei mesi di indagini e ricerche. Ivano Camarri, geometra 71enne nato a Mantello (Sondrio) e sparito alle porte della provincia di Lecco lo scorso dicembre, sembra essere sparito nel nulla.

Sul caso, dopo che era stata ipotizzata la pista di possibile omicidio, ha fatto chiarezza nelle ultime ore la Procura della Repubblica di Sondrio, che ha affidato le indagini ai carabinieri del comando provinciale di Sondrio. Al momento non sembra esserci un'ipotesi preponderante.

La scomparsa di Ivano Camarri

La scomparsa del geometra Ivano Camarri è stata denunciata dalla moglie il 13 dicembre 2023 al comando stazione Carabinieri di Traona. La donna non aveva più sue notizie dal giorno precedente. Subito sono partite le indagini dei militari, che hanno accertato l'ultimo avvistamento dell'uomo grazie al rilevamento della targa della sua Opel Astra grigia a Dubino, in direzione Nuova Olonio.

Ivano Camarri

Le ricerche e le indagini

Per giorni sono state effettuate ricerche in base al Piano provinciale ricerca persone scomparse, a terra, in volo e con natanti, tuttavia senza esito.

La Procura della Repubblica di Sondrio ha quindi incaricato il reparto operativo nucleo investigativo dei Carabinieri di Sondrio. Dalle successive indagini è emerso che l'utenza telefonica di Camarri ha smesso di inviare segnali lo stesso giorno della sua scomparsa, il 12 dicembre 2023, pochi minuti dopo la rilevazione dell'auto a Dubino. La macchina non è più transitata sotto altri rilevatori di targa e un eventuale passaggio dell'uomo non è stato riscontrato a valichi di frontiera, aeroporti o stazioni.

Come informa la Procura di Sondrio, nel corso delle indagini sono state ascoltate a più riprese circa 40 persone tra cui familiari, conoscenti e residenti in zona o che hanno avuto rapporti professionali con il geometra Camarri. 

I debiti con la banca

Uno sviluppo importante nelle indagini è stato comunicato direttamente dal procuratore della Repubblica di Sondrio Piero Basilone.

"È stata sottoposta ad analisi anche la situazione economica del geometra, che ha fatto emergere un'esposizione debitoria con un istituto bancario locale per circa 300mila euro, coperta da ipoteca, non nota ai familiari".

Tutti gli accertamenti di natura tecnica per ora non hanno fornito elementi risolutivi del caso, per cui nessuna ipotesi fra allontanamento volontario, sucidio e omicidio, specificano dalla Procura, viene accreditata come certa. Le attività di ricerca di Camarri proseguono e vedono coinvolti, oltre ai militari, anche Vigili del fuoco e Protezione civile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aveva 300mila euro di debiti: il mistero del geometra scomparso
LeccoToday è in caricamento