menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

PGT Lecco: basta cementificazione selvaggia, solo cambio destinazione d'uso

Queste sono le linee guida del prossimo PGT che è stato presentato dal VIcesindaco VIttorio Campione ai residenti di Germanedo e Belledo

"Nel Pgt abbiamo voluto fare una scelta precisa e cioè dare maggior rilievo alle attività produttive ed economiche che si trovano in città che garantiscono il lavoro ai cittadini.  Il recupero delle aree - afferma l'assessore all'urbanistica Martino Mazzoleni -  dismesse, e che vivono situazioni precarie, devono essere destinate ad altri servizi e non sostituite da nuovi insediamenti residenziali. Insomma una città che non si deve espandere ma conservare quanto già d'importante ha e non diventare una parte della metropoli milanese".

Il Pgt che va a sostituire il Pgt del 2000 (che ha lasciato molte critiche)  ha avuto un percorso istruttorio lungo iniziato nel 2010 dal funzionario comunale ingegnere Marco Cassin  passato in Regione. L'istruttoria è stata portata a termine dall'architetto Andrea Pozzi dopo l'esperienza fatta nel comune di Erba.

Quindi  basta cementificazione  selvaggia che aveva posto il capoluogo come una delle città lombarde più edifica della Regione Ora è permesso solo un cambio di destinazione di aree ad uso per servizi. Questo il futuro del territorio identificato nel nuovo Piano del Governo.

Un esempio è quello che si stà realizzando in via Belfiore 49. Su un'area a destinazione artigianale sta sorgendo la nuova sede dell'istituto La Nostra Famiglia. L'assessore comunale all'urbanistica Martino Mazzoleni aggiunge; "Ma  non siamo contrari alla richiesta di privati per la costruzione di alloggi ma quello che vorremmo è che realizzino servizi e standar. Senza più motivare la monetizzazione in assenza come è accaduto nel passato" 

L'assessore Mazzoleni ha incontrato al centro civico sociale di Germanedo alcuni residenti del quartiere puntualizzando con la
consigliera di maggioranza Irene Riva alcuni contenuti del Pgt. Nel strumento urbanistico della città sono inseriti tre piani attuativi già esaminati dalla precedente amministrazione comunale a guida del centro destra in attesa della loro
realizzazione. Questi sono: in località Falghera-Malnago la costruzione di villette per 7.000 metri cubi; l’area dismessa dell’ex Scatolificio Pagani di via Belfiore.

Qui sorgerà un complesso abitativo-commerciale della nuova proprietà Eusice srl di Marcollo con Casone (Mi) dove verranno costruiti su cinque piani: 192 appartamenti più 5 spazi commerciali e aree verdi. Si tratta di uno degli insediamenti più importanti in città dopo i lavori nell’ex area Sae. Quattrocentonove i posti auto (243 residenziali, 37 commerciali e 129 pubblici) L’area è di 16.503 mq (nel Prg identificata come area produttiva artigianale).

La zona si trova fra: via Belfione  - via Lamarmora - via Montelungo e per ultimo l'rea ex Corno Marco Italia di via Cimabue vicina al torrente Bione. Un'area coperta di 4.100 mc . In riferimento a questa nuova destinazione l'assessore Mazzoleni, spiega: "Quest'area avrà un futuro misto: artigianale,residenziale e terziario. Si tratta di una posizione strategica in questa parte di città". Per il momento la proprietà Corno Marco è in attesa di cedere l'intera area lasciata alcuni anni fa per la vicinanza dell'attraversamento in sotterranea della città. Ora opera a Molteno. All'incontro è stato presente anche il sindaco Brivio

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento