Cronaca Via Ingegner Arturo Gilardoni, 1

Processo Gilardoni Raggi X, tutti assolti. Riva (Cgil): «Ma i lavoratori denunciavano il vero»

L'ex capo del personale Roberto Redaelli prosciolto dall'accusa di maltrattamenti. Oreggia (Fiom Cgil): «Fatti acclarati, paradossale non siano stati individuati responsabili»

Lo stabilimento della Gilardoni Raggi X a Mandello

Assolto Roberto Redaelli, ex capo del personale della Gilardoni Raggi X (per cui l'accusa aveva chiesto tre anni e mezzo). Questa la sentenza emessa mercoledì dal Tribunale di Lecco nel processo di primo grado. Il giudice monocratico Martina Beggio ha scagionato dalle accuse di maltrattamenti ai danni dei lavoratori l'ex dirigente, salito sul banco degli imputati dopo lo stralcio della posizione dell'anziana proprietaria, Maria Cristina Gilardoni, ricoverata tempo fa a causa di una grave patologia.

Diego Riva, segretario generale della Cgil Lecco, commenta così l'assoluzione di tutti gli imputati (assolti perché il fatto non sussiste, come da richiesta della Procura, anche il socio di minoranza Ascanio Orsini e il medico del lavoro Maria Papagianni): «Fatto salvo il rispetto della sentenza, che leggeremo non appena saranno disponibili le motivazioni, resta un pensiero: le decine di persone che sono ricorse alle vie legali (insieme alle organizzazioni sindacali che si sono costituite parti civili) hanno detto il vero, documentandolo, raccontando ciò che è avvenuto in azienda. Certo, forse il clima è cambiato perché è subentrata una nuova dirigenza, ma resta la nostra fermezza sul passato e quanto denunciato. Siamo, e saremo, sempre in prima fila per tutelare la dignità e i diritti di tutte le persone che lavorano».

Gilardoni Spa, un socio unico per il leader italiano dei raggi X

Maurizio Oreggia, segretario generale della Fiom Cgil Lecco, interviene così: «In attesa della motivazioni della sentenza, riteniamo paradossale e sconcertante che non siano stati individuati responsabili in una vicenda dove i fatti, peraltro noti, sono assolutamente acclarati. Risulta anche difficile pensare o credere che un'eventuale responsabilità possa essere ricondotta a un singolo soggetto. Come organizzazione sindacale saremo sempre a fianco delle lavoratrici e dei lavoratori, per denunciare fermamente, con tutti gli strumenti possibili, simili situazioni». La Fiom lecchese si era anche costituita parte civile nel processo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Processo Gilardoni Raggi X, tutti assolti. Riva (Cgil): «Ma i lavoratori denunciavano il vero»

LeccoToday è in caricamento