menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tele Unica chiude a fine anno: si perde una voce autorevole dell'informazione

L'annuncio della cessazione delle attività è stato dato nel tg delle 19 dal direttore Katia Sala: i ritardi nell'assegnazione dei fondi statali e le difficoltà dovute alla crisi Filca tra le principali cause

Tele Unica, storica emittente del territorio, spegnerà le proprie frequenze. La notizia è arrivata durante l'edizione delle News di Lecco delle ore 19. Il direttore Katia Sala ha infatti annunciato in diretta la cessazione dell'attività con la conclusione del 2018.

Tele Unica per oltre trent'anni è stata un punto di riferimento per l'informazione locale, grazie ai suoi telegiornali quotidiani, con edizioni a Lecco e a Sondrio, programmi di approfondimento, inchieste, sport, e produzioni originali dedicate a eventi, rubriche settoriali e al territorio.

Nella storica redazione di Via Fiume si sono avvicendati - e sono tutt'ora al lavoro - numerosi giornalisti e tecnici di indubbio valore, alcuni dei quali sono partiti da Lecco (e Sondrio) per proseguire il proprio percorso professionale a livelli nazionali. 

La notizia sta creando in questi minuti stupore e dispiacere tra le istituzioni e i cittadini, a Lecco e nel territorio. Con la chiusura di Tele Unica - toccata dal precedente fallimento di Filca Cooperative e delle società a essa legate - viene meno una voce autorevole e puntuale nell'informazione locale.

Il discorso del direttore

«Da oltre trent'anni Teleunica entra nelle vostre case per raccontare i fatti - ha spiegato in un discorso in apertura del tg Katia Sala - Tele Unica cesserà la propria attività con l'inizio del 2019. I motivi sono di natura strutturale, che riguardano l'intero comparto delle tv locali, ma anche la recente storia dell'emittente. Una crisi di liquidità a causa dei gravi ritardi nell'erogazione dei contributi degli anni 2016 e '17. Da sempre i fondi statali a sostegno del settore radiotelevisivo italiano privato locale rappresentano un elemento significativo nei conti economici delle aziende del comparto. Con i nuovi criteri introdotti dal Ministero dello Sviluppo economico tutti gli operatori avevano fiducia nell'erogazione, ma è stata una pia illusione. A luglio di quest'anno sono state pubblicate le graduatorie: Tele Unica era collocata all'81° posto con un contributo pari a 416mila euro, un risultato importante perché i fondi sono assegnati alle prime cento, e anche la certificazione che Tele Unica è in possesso dei requisiti fondamentali, ovvero il numero dei dipendenti, dei giornalisti professionisti, della qualità del prodotto. La graduatoria è diventata definitiva lo scorso ottobre solo per il 50% dei fondi. Il resto verrà erogato soltanto fra qualche mese, il tutto senza che ci siano informazioni sulle tempistiche delle graduatorie per il 2017. Difficile se non impossibile poter effettuare un'adeguata programmazione finanziaria nel medio e breve termine. Questa situazione è stata acuita dalla stretta creditizia delle banche per la crisi di Filca Cooperative. Da sottolineare la difficoltà dell'attuale compagine di Tele Unica nell'assicurare investimenti a medio termine necessarie ad attuare l'adeguata raccolta pubblicitaria».

«Un'occasione persa per il territorio»

Katia Sala ha poi rivolto l'attenzione su quanto compiuto da Tele Unica nell'ultimo, complicato periodo. «Riteniamo di avere attuato tutte le misure necessarie a gestire le difficoltà emerse, informando i rapresentanti di istituzioni, politica e associazioni imprenditoriali di Lecco e Sondrio; un percorso condotto prima in via informale e poi su distinti tavoli istituzionali. Ai prefetti di Lecco e Sondrio va il nostro riconoscimento. L'obiettivo era assicurare continuità all'attività dell'emittente, individuando una cordata imprenditoriale disposta a subentrare nella compagine societaria o nella gestione aziendale. I curatori del fallimento di Filca Cooperative hanno dato piena disponibilità a individuarle. Avevamo confidato in un esito positivo, perché parliamo di due province tra le più densamente popolate dal numero e dalla qualità di aziende; e perché, in un momento difficile per il Paese, i presupposti sembravano alla portata degli imprenditori di successo che hanno sviluppato nel Lecchese e nella Valtellina le loro attività. Sono stati espressi riconoscimenti per la qualità e l'attenzione della nostra attività a favore dei cittadini, ma se sono qui a comunicarvi l'imminente chiusura è perché, nonostante l'impegno profuso, i tentativi e gli sforzi messi in campo non hanno portato a un esito positivo. A noi sembra un'occasione persa per i nostri territori».

Il direttore Katia Sala ha successivamente ringraziato i giornalisti, i tecnici di Tele Unica, i collaboratori, i dipendenti della concessionaria pubblicitaria Gvu per la disponibilità, l'apporto e la professionalità sempre dimostrati. Le trasmissioni andranno in onda regolarmente sino alla fine dell'anno.

La redazione di Lecco Today esprime piena solidarietà ai colleghi e agli amici di Tele Unica Lecco e Sondrio. Quando si spegne una voce libera e autorevole, oltre che storica, del mondo dell'informazione, è una perdita per tutti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cosa si può fare in zona arancione: le nuove regole spiegate

social

"Lol chi ride è fuori": il programma è già diventato un tormentone

Attualità

Al via in Lombardia treni solo per passeggeri "Covid tested"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento