menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I controlli effettuati dalla Polizia di Stato in via Paolo Perazzo

I controlli effettuati dalla Polizia di Stato in via Paolo Perazzo

Carne e pesce mal conservati: messi i sigilli ai prodotti di un minimarket

I controlli congiunti della Squadra Volanti e dell'ATS della Brianza hanno smascherato la malagestione dell'esercizio pubblico, recentemente aperto

Nel pomeriggio di ieri, domenica 13 gennaio, una pattuglia della Polizia di Stato facente parte della Squadra Volanti, durante il servizio di controllo del territorio, nel transitare in via Perazzo di Lecco ha notato una persona sospetta uscire da un esercizio commerciale. I poliziotti hannno proceduto al controllo di Polizia, verificando che il soggetto risultava avere vari precedenti per reati contro il patrimonio. Nel frangente, gli agenti hanno proceduto a estendere il controllo anche al citato esercizio commerciale, dove il titolare è stato notato mentre tentava di occultare qualcosa nel retro del negozio, un minimarket recentemente aperto. In ausilio, è intervenuta anche un’altra Volante della Polizia di Stato.

Il titolare ha esibito il modello SCIA presentato al Comune di Lecco come esercizio pubblico di vicinato, nel quale è stata esplicitata solo l’attività di vendita al minuto. Nel corso dell’ispezione, sul bancone adibito alla vendita sono stati notati segni particolari di sporco pregresso e promiscuità di alimenti, mentre nel surgelatore a pozzetto sono state rinvenute varie tipologie di pesce in cattivo stato di conservazione, privi di idoneo involucro, nonché d'idonea tracciabilità.

Incendio doloso in Via Perazzo, collegamento con la rissa in Viale Turati

Prodotti mal conservati: interviene l'ATS

Gli agenti hanno notato nel locale destinato alla vendita anche un banco con attrezzi per la lavorazione delle carni. Nella circostanza, lo stesso titolare ha riferito agli operanti che parte della carne esposta era proveniente dallo stesso, prodotta nell’attiguo magazzino adibito a lavorazione delle carni stesse. Alla luce di quanto sopra, notando altresì vari prodotti scaduti, gli agenti hanno richiesto l’intervento di personale dell’ATS Brianza, per più approfonditi controlli igienico-sanitari.

Sul posto si è portato il personale dell’ATS della Brianza, che ha ispezionato il locale e la merce stoccata nelle celle frigorifere, dopodichè ha attivavato il protocollo sanitario d'igiene e salubrità.

Scoperto dai carabinieri con la marijuana in tasca: denunciato un giovane 

Messi i sigilli ai prodotti

Dall’ispezione sanitaria si è evinto che il titolare effettuava abusivamente, dalle frattaglie di carne, produzione propria di alimenti nell’annesso magazzino, il quale non è risultato essere idoneo allo svolgimento di tale attività, in difformità a quanto dichiarato sulla documentazione del modello SCIA.

In relazione a quanto sopra, i medici dell’ATS hanno redatto un verbale d'ispezione dei luoghi e contestuale verbale di sequestro cautelativo della merce, che è stata riposta in una cella frigorifera con gli appositi sigilli.

La precisazione di ATS della Brianza

In merito agli articoli apparsi in data odierna relativi ad un intervento effettuato dall' Agenzia di Tutela della Salute della Brianza in un esercizio commerciale di via Perazzo a Lecco, vogliamo, per correttezza di informazioni, specificare alcuni aspetti:

L'ATS della Brianza è intervenuta, su richiesta di altri Enti, presso l'attività in oggetto rilevando la sussistenza di alcune carenze igienico sanitarie, in particolare la  presenza di alimenti non trattati in modo igienicamente corretto e la mancanza di rintracciabilità degli stessi. Vogliamo sottolineare che non  si tratta assolutamente di un impianto di macellazione abusiva, come da verbale ATS è stata rilevata la sola presenza di attrezzature tipiche per la lavorazione delle carni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento