Coronavirus, il punto: in netto calo il numero dei ricoverati, nel Lecchese 13 nuovi positivi

In tutta la regione incremento di 960 positività e 230 decessi. Le terapie intensive liberano 50 posti, scende il numero degli ospedalizzati in altri reparti (-333)

Dati in chiaroscuro, a livello lombardo, quelli del 21 aprile, ma ormai le statistiche del contagio nella nostra regione hanno abituato a un andamento costante, in lento e progressivo miglioramento. 

Se i nuovi contagi rimangono tanti, 960, e i decessi purtroppo più degli ultimi giorni (203), a confortare è il calo sensibile dei ricoverati in terapia intensiva (-50) e negli altri reparti (-333). Si alleggerisce, dunque, la pressione sui presidi ospedalieri lombardi.

A Lecco, dai tamponi effettuati - meno dei giorni scorsi - risultano 13 nuove positività, per un totale che da inizio epidemia arriva a 2.093.

I casi per provincia con l'aggiornamento rispetto agli ultimi giorni

Bergamo: 10.788 (+50)
ieri: 10.738 (+49)
l'altro ieri: 10.689 (+60)

Brescia: 12.078 (+74)
ieri: 12.004 (+58)
l'altro ieri: 11.946 (+188)

Como: 2.592 (+42)
ieri: 2.550 (+62)
l'altro ieri: 2.488 (+49)

Cremona: 5.641 (+150)
ieri: 5.491 (+74)
l'altro ieri: 5.417 (+10)

Lecco: 2.093 (+13)
ieri: 2.080 (+8)
l'altro ieri: 2.072 (+42)

Lodi: 2.751 (+11)
ieri: 2.740 (+16)
l'altro ieri: 2.724 (+10)

Monza Brianza: 4.211 (+54)
ieri: 4.157 (+59)
l'altro ieri: 4.098 (+56)

Milano: 16.520 (+408)
ieri: 16.112 (+287) di cui 6.709 (+160) a Milano città
l'altro ieri: 15.825 (+279) di cui 6.549 (+128) a Milano città

Mantova: 2.933 (+20)
ieri: 2.913 (+8)
l'altro ieri: 2.905 (+42)

Pavia: 3705 (+64)
ieri: 3.641 (+59)
l'altro ieri: 3.582 (+46)

Sondrio: 966 (+6)
ieri: 960 (+4)
l'altro ieri: 956 (+19)

Varese: 2.251 (+55)
ieri: 2.196 (+38)
l'altro ieri: 2.158 (+52)

e 1.402 in corso di verifica.

Contagi odierni e quelli dei giorni precedenti

- i casi positivi sono: 67.931 (+960)
ieri: 66.971 (+735)
l'altro ieri: 66.236 (+855)

- i decessi: 12.579 (+203)
ieri: 12.376 (163)
l'altro ieri: 12.213 (+163)

- in terapia intensiva: 851 (-50)
ieri: 901 (-21)
l'altro ieri: 922 (-25)

- i ricoverati non in terapia intensiva: 9.805 (-333)
ieri: 10.138 (-204)
l'altro ieri: 10.342 (+300)

- i tamponi effettuati: 277.197 (+6.711)
ieri: 270.486 (+6.631)
l'altro ieri: 264.155 (+8.824)

- i guariti: 3.023 (+545)
ieri: 2.478

contagio covid 21 aprile 2020 (1)-2

Fontana scrive ai sindaci: «Ecco il piano da 3 miliardi»

Il governatore Attilio Fontana ha scritto ai 1.506 sindaci della Lombardia per illustrare il maxi piano di investimenti da 3 miliardi, di cui 400 milioni per Comuni e Province. Riportiamo di seguito il testo della lettera:

Caro sindaco,

l'emergenza Covid-19 ha messo a dura prova la vita delle nostre comunità. Una lunga fase emergenziale in cui tutti noi Amministratori abbiamo dovuto far fronte con ogni mezzo per fornire risposte tempestive e reagire prontamente ai bisogni dei nostri cittadini. I dati degli ultimi giorni mostrano alcuni significativi segnali di miglioramento che, con prudenza, ci avvicinano alla ripresa. Per questo dobbiamo farci trovare pronti e sono sicuro che ognuno sta già progettando, nel grande come nel piccolo, tutto
ciò che sarà necessario per costruire un nuovo modo di vivere, operare, lavorare. In casi eccezionali occorrono misure eccezionali.

Da presidente della Regione Lombardia ho varato un piano straordinario che prevede uno stanziamento senza precedenti per un totale di 3 miliardi di euro, al fine di mettervi immediatamente nelle condizioni di far partire l'economia dei vostri territori. I primi 400 milioni di euro saranno disponibili a favore degli Enti Locali Lombardi già nelle prossime settimane, destinati a tutte quelle opere di interesse pubblico che sosterranno la ripartenza degli investimenti.

Sviluppo sostenibile, mobilità, adeguamento e messa in sicurezza di strade, scuole, edifici pubblici e patrimonio comunale,
abbattimento delle barriere architettoniche, interventi per fronteggiare il dissesto idrogeologico e per la riqualificazione urbana, efficientamento energetico, illuminazione pubblica, risparmio energetico, edilizia residenziale pubblica, manutenzioni, sono solo alcuni degli ambiti di possibile intervento. Credo nelle potenzialità del nostro amato territorio e sono certo che, non appena le condizioni sanitarie lo consentiranno, la Lombardia sarà un modello di ripartenza così come in queste settimane è stata un esempio di resistenza, disciplina e spirito di sacrificio. Per quanto riguarda le modalità operative di accesso ai fondi, vi prego di considerare gli uffici della Regione a vostra completa disposizione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Castello, dopo mezzo secolo chiude lo storico negozio di alimentari di Rino e Grazia

  • Doppia tragedia sui monti che circondano il Lecchese: morti due uomini a Brumano e sul San Primo

  • Rintracciati i due minori che si erano allontanati dalle proprie case di Verderio e Paderno

  • Calolzio: scoperta società legata alla malavita, il Prefetto De Rosa la chiude

  • Cadavere nell'Adda: si tratterebbe della donna scomparsa due giorni fa

  • Coronavirus, i dati dell'Asst: pressione stabile su "Manzoni" di Lecco e "Mandic" di Merate

Torna su
LeccoToday è in caricamento