Coronavirus, il punto: 4 tamponi positivi nel Lecchese, spostamenti in aumento del 15%

Miglioramenti costanti degli indicatori in tutta la regione, a eccezione delle terapie intensive. Negativo invece il dato riscontrato con le celle telefoniche dei lombardi nel primo sabato di parziale apertura

I dati di domenica 10 maggio 2020

Sono solo 4 i tamponi positivi al Sars-Cov2 nella provincia di Lecco nelle ultime 24 ore. I dati sono stati comunicati, come consuetudine, nel tardo pomeriggio di oggi da Regione Lombardia. Il totale nel nostro territorio sale così a 2.482 casi.

In Lombardia, su oltre 7mila tamponi effettuati, sono state riscontrate soltanto 282 positività. Uno dei migliori dati da fine marzo a oggi, ma bisogna sottolineare che durante il weekend possono registrarsi anomalie numeriche per via di qualche laboratorio chiuso o non tempestivo nel comunicare i risultati dei tamponi.

Conforta la discesa costante dei ricoverati, anche se oggi va riscontrata una risalita di 18 pazienti nelle terapie intensive. Da segnalare 62 decessi.

I dati dei contagi odierni e quelli del giorno precedente

- i casi positivi sono: 81.507 (+282)
ieri: 81.225 (+502)
l'altro ieri: 80.723 (+609*) ai quali vanno aggiunti nel totale complessivo 25 casi riguardanti il mese di aprile e rendicontati l'altro ieri

- i decessi: 14.986 (+62)
ieri: 14.924 (+85)
l’altro ieri: 14.839 (+94)

- in terapia intensiva: 348 (+18)
ieri: 330 (-70)
l’altro ieri: 400 (-80)

- i ricoverati non in terapia intensiva: 5.428 (-107)
ieri: 5.535 (-167)
l’altro ieri: 5.702 (-146)

- i tamponi effettuati: 485.134 (+7.369)
ieri: 477.765 (+11.478)
l’altro ieri: 466.287 (+10.993)

I casi per provincia con l'aggiornamento rispetto agli ultimi giorni

Bergamo: 11.741 (+24)
ieri: 11.717 (+46)
l'altro ieri: 11.671 (+49)

Brescia: 13.550 (+44)
ieri: 13.506 (+46)
l'altro ieri: 13.460 (+69)

Como: 3.496 (+16)
ieri: 3.480 (+10)
l'altro ieri: 3.470 (+30)

Cremona: 6.248 (+6)
ieri: 6.242 (+23)
l'altro ieri: 6.219 (+16*) ai quali vanno aggiunti nel totale complessivo 25 casi riguardanti il mese di aprile e rendicontati l'altro ieri

Lecco: 2.486 (+4)
ieri: 2.482 (+34)
l'altro ieri: 2.448 (+29)

Lodi: 3.271 (+7)
ieri: 3.264 (+42)
l'altro ieri: 3.222 (+18)

Monza: 5.055 (+9)
ieri: 5.046 (+31)
l'altro ieri: 5.015 (+41)

Milano: 21.376 (+104) di cui 9.019 (+54) a Milano città
ieri: 21.272 (+178) di cui 8.965 (+98) a Milano città
l'altro ieri: 21.094 (+201) di cui 8867 (+101) a Milano città

Mantova: 3.251 (+1)
ieri: 3.250 (+13)
l'altro ieri: 3.237 (+16)

Pavia: 4.777 (+35)
ieri: 4.742 (+38)
l'altro ieri: 4.704 (+52)

Sondrio: 1.287 (+7)
ieri: 1.280 (+4)
l’altro ieri: 1.276 (+10)

Varese: 3.182 (+18)
ieri: 3.164 (+16)
l'altro ieri: 3.148 (+75)

e 1.787 in corso di verifica.

Coronavirus 10 05 20 (1)-2

Sala: «Troppi movimenti per il tempo libero: così non va»

Proseguono le rilevazioni degli spostamenti dei cittadini lombardi rilevate monitorando i cambi di celle telefoniche alle quali si agganciano gli smartphone delle persone in movimento e forniti dalle compagnie telefoniche.

I dati sono elaborati dallo staff di Fabrizio Sala, vicepresidente di Regione Lombardia e assessore alla Ricerca, Innovazione, Università, Export e Internazionalizzazione delle imprese.

«Con le riaperture delle attività dopo il lockdown - commenta il vicepresidente Sala - gli spostamenti in Regione Lombardia sono aumentati sensibilmente. È fondamentale però separare il dato relativo a chi si muove per lavoro, in determinate fasce orarie, e chi invece lo fa per svago. Facciamo appello - continua Fabrizio Sala - al senso di responsabilità dei cittadini lombardi per evitare affollamenti o ritrovi con tante persone, per di più senza indossare le mascherine. Se sui posti di lavoro c'è stato, ovunque, grande rispetto per le norme e le disposizioni, nel tempo libero tutto è delegato al senso di responsabilità di ciascuno che deve fare la propria parte, rispettando le distanze e usando i dispositivi di protezione, per la propria salute e per quella degli altri".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I dati dei movimenti di sabato a livello regionale mostrano un aumento del 15% rispetto al sabato precedente, prima delle riaperture. «Se è stato deciso di riaprire le attività produttive e consentire attività all'aria aperta - chiarisce il vicepresidente Sala - non significa però non rispettare le disposizioni e creare quegli assembramenti a cui, purtroppo, abbiamo assistito in questi ultimi giorni. Il clima e le aperture di esercizi, come i bar, con la possibilità di prelevare d'asporto cibi e bevande hanno portato molta gente a uscire e godersi un po' di libertà. Non può essere un "liberi tutti" senza regole e senza il buon senso, fondamentale in un momento di parziale riapertura come questo, per non incorrere in guai più grossi tra qualche tempo».
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sparatoria a Olginate, morto l'uomo colpito nell'agguato

  • Sparatoria di Olginate, Passoni: «Parenti della vittima in collera, ma serve mantenere la calma»

  • Dove gustare un buon aperitivo a Lecco

  • Agguato a Olginate, esplosi colpi di pistola: uomo in condizioni gravissime

  • Everesting completato! Diciassette ore e quarantuno minuti tra Valmadrera e Pianezzo, l'impresa di Butti e Ciresa

  • Retata antidroga nei boschi a lato della Statale: recuperati soldi e dosi di stupefacenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento