Coronavirus, ora Regione Lombardia pensa al coprifuoco totale: «Negozi e uffici chiusi, trasporti fermi»

L'assessore al Welfare, Giulio Gallera: «Altri 15 giorni così non li reggiamo». Si valutano misure "estreme": la conferma di Attilio Fontana dopo l'incontro con i sindaci

Giulio Gallera

Coprifuoco vero. Blocco totale. Regione Lombardia sta pensando a misure "estreme" per cercare di arginare l'emergenza Coronavirus, che in poco più di due settimane ha già fatto contare - solo in Lombardia - oltre 5mila contagi e più di 300 morti, con il sistema sanitario quasi al collasso.  

Dopo gli inviti a restare a casa, i decreti e le zone arancioni, il Pirellone sta pensando di "inasprire" le restrizioni, termine usato dall'assessore al Welfare, Giulio Gallera, martedì mattina durante un collegamento con la trasmissione Rai, Agorà

Coronavirus, i sindaci lombardi unanimi: «Chiudere per due settimane tutte le attività commerciali»

Blocco totale per 15 giorni in Lombardia

Proprio Gallera ha ribadito - numeri alla mano - che «è arrivato il momento di inasprire, di fermare anche il trasporto, i negozi e le attività produttive. Bisogna - ha sottolineato  chiudere per 15 giorni almeno tutta la Lombardia».

«Può servire - ha evidenziato l'assessore - per ridurre o bloccare la diffusione perché altri 15 o 20 giorni con una crescita così forsennata dei ricoveri non li reggiamo». 

In sostanza resterebbero aperti soltanto gli esercizi commerciali che offrono servizi di prima necessità - farmacie e supermercati su tutto -, mentre il resto verrebbe bloccato, compreso evidentemente buona parte dei mezzi pubblici.

Il problema è il numero di posti nelle terapie intensive, con la regione che sta lottando giorno dopo giorno per costruirne e trovarne di nuovi. «Finora il sistema sanitario ha fatto uno sforzo incredibile, se i numeri continuano con questa velocità - il 28 avevamo 57 persone in terapia intensiva, il 9 di marzo ne avevamo 399, con una crescita del 700% - è chiaro che stiamo già pensando a soluzioni molto più strutturate che necessitano però di un intervento straordinario della protezione civile», ha annunciato Gallera.

«Solo lunedì abbiamo avuto 1280 positivi in più e 588 nuovi ricoverati, siamo a 2802. Corre così veloce che siccome non c'è un farmaco né un vaccino che consente di curare il Coroanvirus, l'unico modo è interrompere la diffusione del contagio - ha sottolineato ancora una volta -. Le persone devono rimanere a casa, se le indicazioni e le esortazioni del decreto - perché evitare di uscire non è un obbligo -, non bastano, bisogna inasprire». 

«Non possiamo resistere ancora molto»

Sulla stessa lunghezza d'onda anche il governatore Attilio Fontana, che commentando il decreto del governo che ha esteso la zona arancione a tutta Italia aveva spiegato che forse per la Lombardia non era sufficiente. E ora la regione sembra davvero vicina al blocco totale. 

«Non possiamo resistere ancora per molto tempo - ha detto martedì mattina -. Ci vuole una vera inversione di tendenza, abbiamo bisogno di una maggiore coscienza da parte di tutti. Con la collaborazione dei cittadini, sono certo che nel giro di qualche settimana la situazione tornerà alla normalità». 

E poi anche lui ha parlato di regole «più stringenti». «Dall'inizio dell'emergenza sono convinto che solo con sacrifici, anche più importanti, di ciascuno di noi e con la volontà di osservare regole anche più stringenti, si possa superare questa situazione. Fermiamolo insieme».

Fontana conferma: «Stop chiesto dai sindaci»

Intorno alle 12.30 Attilio Fontana, presidente di Regione Lombardia, ha confermato quanto detto dall'assessore Gallera precedentemente:

223 nuovi posti in terapia intensiva

Nella giornata di lunedì lo stesso Gallera aveva fatto il punto sulla situazione negli ospedali. «Il nostro obiettivo - aveva detto - era di riuscire ad aumentare di 100/150 i posti in terapia intensiva così da gestire pazienti affetti da Coronavirus. Non solo ne abbiamo aperti 150, ma siamo arrivati a 223 e contiamo di aprirne altri 150 nel giro di 7 giorni».

«Abbiamo fermato le attività delle sale operatorie, perchè ognuna di esse può contenere 3 posti letto di terapia intensiva. Stiamo anche trasformando le medicine in pneumologia e stiamo aumentando posti di subintensiva», aveva proseguito.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il 19 febbraio la Lombardia aveva 200 Cpap, oggi sono 1600 e martedì ne arriveranno altri 500. «Riusciamo ancora a dare risposte di qualità - aveva concluso Gallera - ringraziando non formalmente tutti coloro che quotidianamente con turni interminabili sono impegnati a fronteggiare questa emergenza».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni Comunali di Lecco: si va al ballottaggio, a inizio ottobre il nuovo sindaco della città

  • Elezioni, Amministrative di Lecco: iniziato lo spoglio. Exit poll: Ciresa tra il 49 e il 53%

  • Entrano in una scuola, interrompono la lezione e sbeffeggiano l'insegnante: denunciati due diciottenni

  • Giornata flagellata dal maltempo: una quarantina di interventi nel territorio

  • Elezioni Comunali di Mandello: Riccardo Fasoli si conferma sindaco

  • «La vostra sanità funziona e ci ha aiutati», ristoratori egiziani devolvono nuovamente il loro incasso all'ospedale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento