rotate-mobile
Giovedì, 9 Febbraio 2023
Cronaca

Poste, Regione Lombardia pronta ad aprire il confronto con l'azienda sul piano di riorganizzazione

Il Sottosegretario Nava: "Concorderemo a brevissimo un incontro in cui presenteremo la nostra proposta"

Regione Lombardia è pronta ad aprire il confronto con Poste Italiane per discutere le modifiche al piano dell’azienda, che prevede la chiusura di 7 filiali e la riorganizzazione di altri 9 uffici in provincia di Lecco, che aprirebbero a giorni alterni: si è infatti conclusa oggi 12 maggio la raccolta dei dati e delle informazioni, necessario per la proposta di revisione che il Pirellone farà all’azienda, messa a punto dal Tavolo regionale voluto dal Pirellone per far fronte alla situazione.

«Con la riunione di oggi - ha riferito Daniele Nava, Sottosegretario agli enti locali - il Tavolo ha concluso un importante lavoro e ha validato il documento con la raccolta completa dei dati che sottoporremo nei prossimi giorni a Poste Italiane».

Ai lavori hanno partecipato i rappresentanti di Comuni e Province, tramite due delegazioni di Anci e Upl: «Grazie a questi dati - ha aggiunto Nava - abbiamo un materiale preciso e dettagliato per poter aprire il confronto con Poste Italiane in maniera concreta e rapida. Concorderemo a brevissimo un incontro in cui presenteremo il nostro documento e chiederemo all’azienda di contribuire con le sue informazioni per avere un quadro dettagliato e concordare le scelte». 

«Il sistema Lombardia - ha aggiunto Nava - si presenta unito di fronte a Poste Italiane. Chiederemo che i tagli previsti dall’azienda a livello nazionale vadano a incidere in alcuni territori, soprattutto nel Sud Italia, che hanno numeri diversi dai nostri e che anche in passato sono stati trattati diversamente da noi. La Lombardia ha una specificità e delle caratteristiche che vanno riconosciute e tutelate. Non si possono fare tagli orizzontali».

«La raccolta dei dati, cui ha contribuito anche Anci, si è basata sui criteri stabiliti nelle precedenti riunioni del Tavolo. Per le chiusure: presenza o assenza di sportelli bancari nello stesso Comune; distanza rispetto a un altro ufficio postale; presenza o assenza e frequenza delle linee di trasporto pubblico locale; Comuni recentemente oggetto di fusione. Per quanto riguarda le razionalizzazioni (ossia le aperture a giorni alterni): elenco dei Comuni turistici; situazioni particolari come giornate di mercato; concomitanza o meno delle chiusure nei Comuni limitrofi». 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Poste, Regione Lombardia pronta ad aprire il confronto con l'azienda sul piano di riorganizzazione

LeccoToday è in caricamento