I sindaci del lago uniti: «Chediamo peduncolo a Dervio e raddoppio dello svincolo di Piona»

I primi cittadini di Bellano, Dervio, Dorio, Colico (con Valvarrone) fanno fronte comune per essere più forti con Regione e Anas in vista dei lavori di rifacimento della galleria Monte Piazzo: «Non possiamo permetterci di congestionare il territorio»

L'unione fa la forza. Forse anche le infrastrutture. È questo lo spirito con cui le Amministrazioni comunali di Bellano, Dervio, Dorio, Colico e Valvarrone si sono sedute allo stesso tavolo: portare un messaggio chiaro e condiviso agli enti superiori sulle problematiche del territorio relative alle frequenti chiusure della Strada Statale 36, ultimo esempio dopo la frana del mese scorso. E, soprattutto, in vista dei lavori alla galleria Monte Piazzo.

«Abbiamo pensato all'unione dei sindaci perché quando la 36 chiude - spiega Stefano Cassinelli, sindaco di Dervio che questa mattina ha organizzato un incontro in Municipio con i colleghi e la stampa - sono le nostre popolazioni a pagarne le conseguenze quotidiane, con danni fino a Colico e verso la Valtellina. Lunedì ci siamo confrontanti in Regione Lombardia per lanciare una linea comune in vista dei lavori della galleria Monte Piazzo, che è nei programmi di Anas con il rifacimento di entrambe le canne, sulla falsariga di quanto accaduto anni fa. Non possiamo farci trovare impreparati, né permetterci di paralizzare a lungo il territorio».

La Monte Piazzo è un'infrastruttura strategica: i sindaci chiedono dunque il raddoppio dello svincolo di Piona (costo 6 milioni di euro) e la realizzazione del peduncolo di Dervio, 946 metri a doppio senso, di cui un tratto in galleria (di 850 mt) del costo complessivo di 25 milioni di euro. «Purtroppo non possiamo usare la parola "velocità" - ha dichiarato Cassinelli - Un lavoro di questa portata potrebbe richiedere due anni».

Gilardi: «Tutelare sicurezza e salute»

«Bisognava andare al di là dei personalismi, esempio è l'ultima frana sulla SS36 di un mese fa - ha fatto eco al collega Monica Gilardi, sindaco di Colico - Gli interventi vanno nello spirito di evitare questi problemi e fare un fronte comune verso Provincia, Anas e Regione per gli interventi necessari nei singoli comuni. Il raddoppio dello svincolo di Piona non solo alleggerirà il traffico, ma consentirà di guadagnare in sicurezza e in salute, evitando il traffico congestionato delle scorse settimane. E garantirebbe di lavorare alla Monte Piazzo senza paralizzare il territorio».

Rusconi: «Poi la rimozione del passaggio a livello»

«Questa sinergia creata fra enti porta all'attenzione problematiche comuni e dobbiamo purtroppo dire grazie anche alle frane di Lierna e Dervio sulla SP72, che hanno acceso i riflettori sulle criticità del sistema viabilistico. Dobbiamo contrastare anche i danni creati all'ambiente con il traffico riversatosi sul territorio. La realizzazione del peduncolo limiterebbe inoltre la congestione lungo i tornanti da Bonzeno. In quest'ottica andrà anche la rimozione del passaggio a livello a Bellano (costo 4 milioni; il progetto, finanziato dalla Regione, è in mano a Rfi, come annunciato da Flavio Nogara ndr)».

Vergani: «Migliorare anche la qualità di vita»

«Condivido il ragionamento che ci ha portati qui - l'intervento del sindaco di Dorio Massimo Vergani - I fatti verificatisi nelle scorse settimane hanno messo in luce le criticità: l'alta velocità della SS36 è sostenibile solo se ha collegamenti funzionali e non rafazzonati tra i comuni interessati. Era un'ottima occasione per presentarci uniti e fare sentire la voce del territorio che chiede con forza che queste strutture siano riviste per migliorare la fruibilità del territorio stesso e la qualità della vita degli abitanti». Franco Memeo, in rappresentanza del Comune di Valvarrone, ha condiviso la stessa riflessione degli altri amministratori soprattutto in ottica turistica: «Speriamo - ha aggiunto - che i tempi siano, per quanto possibile, brevi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Casargo: precipita mentre percorre l'Alpe Giumello in mountain bike, muore 51enne

  • Crandola Valsassina: trovato morto nella vasca da bagno Vittorio Galluzzi

  • Scompare dopo la festa dei coscritti: ore di angoscia per Nicola Scieghi, si cerca nell'Adda

  • Lecco celebra il patrono San Nicolò

  • Resegone: escursionista precipita sul versante nord, è ricoverato in gravi condizioni

  • Trovato un cadavere nell'Adda: si teme sia quello di Nicola Scieghi

Torna su
LeccoToday è in caricamento